rotate-mobile
Sabato, 13 Aprile 2024
L'episodio risale al 10 febbraio / Surbo

In carcere un 46enne: è ritenuto il mandante del rogo di un'auto

Eseguita dai carabinieri di Surbo un'ordinanza di custodia nei confronti di un uomo che, spinto da un movente passionale, avrebbe commissionato una sorta di vendetta

SURBO – I carabinieri di Surbo hanno eseguito un ordine di carcerazione nei confronti di un 46enne, ritenuto il mandante di un episodio di danneggiamento e incendio verificatosi nel comune dell’hinterland leccese il 10 febbraio. Si è trattato, a ben vedere, del secondo provvedimento di restrizione in carcere nel giro di poche ore.

Nei confronti dello stesso uomo, che si trovava ai domiciliari per vicende di altro tipo, gli stessi militari avevano infatti notificato appena ieri un provvedimento analogo, come aggravamento del divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla ex moglie di cui era stato destinatario nel dicembre scorso.

Per quanto riguarda il rogo, che aveva interessato la parte anteriore di una Peugeot 207, in via Cadorna, nella serata del 10 febbraio, i carabinieri ne avevano subito accertato la natura dolosa grazie alle immagini estratte da una telecamera installata nelle vicinanze. Le indagini hanno poi consentito di individuare l’esecutore materiale e risalire fino al 46enne che, nel commissionare questa sorta di vendetta, avrebbe avuto un movente chiaramente passionale.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In carcere un 46enne: è ritenuto il mandante del rogo di un'auto

LeccePrima è in caricamento