Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Melendugno

Ciclista morto dopo la caduta dalla scogliera, indaga la Procura di Lecce

Al vaglio degli inquirenti la pericolosità del tratto costiero già interdetto dal marzo del 2014 con un'ordinanza

LECCE – La Procura del capoluogo salentino ha aperto un fascicolo per stabilire se vi siano ipotesi di reato nell’ambito della tragedia avvenuta domenica mattina, in cui ha perso la vita Walter Neve Ventura, 32enne di origine calabresi residente a Livorno. Il 32enne, che si trovava in vacanza nel Salento, è precipitato dalla scogliera con la sua mountain bike durante un giro lungo il tratto di costa tra Torre dell’Orso e Sant’Andrea. Un percorso molto amato dai ciclisti, poiché tecnico e spettacolare sotto il profilo paesaggistico, ma che nasconde numerose insidie per la sua difficoltà e i tratti a strapiombo sul mare.  

Il fascicolo d’indagine per omicidio colposo è al momento è a carico di ignoti. La magistratura vuole accertare se vi siano state negligenze e omissioni alla base della tragica morte del 32enne. Per questo nei prossimi giorni saranno acquisiti tutti gli atti relativi alla messa in sicurezza della zona. Si tratta di circa tredici chilometri di litorale (la falesia di Melendugno: tra San Foca, Sant’Andrea e Roca Li Posti) caratterizzato da splendide baie e rocce a strapiombo sul mare che si va modificando sotto l’effetto del fenomeno erosivo.

Nel marzo del 2014 è arrivata l’ordinanza del comando della polizia municipale di Melendugno: “Sfaldamento terreno e della falesia in San Foca marina di Melendugno, località San Basilio. Divieto di circolazione veicolare e pedonale dettata dalle peculiari caratteristiche strutturali e geomorfologiche della fascia costiera delle marine di Melendugno”.

Bisognerà capire dunque cosa sia stato fatto da allora e se quell’ordinanza sia stata rispettata e fatta rispettare in tuti questi mesi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ciclista morto dopo la caduta dalla scogliera, indaga la Procura di Lecce

LeccePrima è in caricamento