Cocaina, hashish e marijuana: patteggiano due della “banda di Guagnano”

Un anno e dieci mesi con pena sospesa per due ventenni sorpresi dai carabinieri con oltre un chilo e mezzo di droga

LECCE – Hanno patteggiato una condanna a un anno e 10 mesi (con pena sospesa e non menzione della condanna) Simone Malerba, 22enne, ed Emanuele Leone, di 24, entrambi di Guagnano, arrestati il 25 maggio scorso per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente. La sentenza è stata emessa dal gip Michele Toriello, dopo che i legali dei due ventenni, gli avvocati Ilaria Baldassarre e Cosimo Casaluci, hanno ottenuto il consenso del pubblico ministero Donatina Buffelli. Entrambi sono tornati in libertà dopo aver trascorso cinque mesi e mezzo agli arresti domiciliari.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Malerba e Leone furono sopresi, in compagnia di altri due giovani, in un casolare nei pressi di Guagnano con un circa chilo e mezzo di marijuana, 100 grammi di hashish e 7 di cocaina. Da tempo i militari della stazione locale, guidati dal maresciallo Luciano Licchetta, e i colleghi della compagnia di Campi Salentina, al comando del capitano Alan Trucchi, stavano monitorando un casolare in disuso in via Petrarca.  Una lunga attività di monitoraggio che si era conclusa con il blitz dei militari, che avevano sorpreso i giovani spacciatori, sequestrando l’ingente quantitativo di droga.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento