rotate-mobile
Cronaca

Cocaina e 150 chili di materiale pirotecnico in casa: due patteggiamenti

Hanno chiuso il loro conto con la giustizia i due conviventi leccesi arrestati il 14 luglio scorso, in seguito alla perquisizione svolta dai carabinieri nel loro appartamento, a Lecce: un anno e otto mesi a testa

LECCE -Nel loro appartamento i carabinieri entrarono convinti di trovare sostanze stupefacenti. E non si sbagliavano. Ma non mancarono le sorprese: oltre alla cocaina, in casa di una giovane coppia di leccesi, furono rinvenuti anche 152 chilogrammi di materiale pirotecnico.

La vicenda avvenuta il 14 luglio scorso, a Lecce, si è conclusa ieri con una sentenza di patteggiamento emessa dal giudice Michele Toriello. E’ di un anno e otto mesi di reclusione, più il pagamento di una multa di seimila euro, la pena concordata dai due responsabili, attraverso l’avvocato difensore Luigi Rella: Michael Greco, di 32 anni, e Jolanda Francesca Portulano, di 29.

A eseguire il loro arresto furono i carabinieri della Sezione radiomobile del capoluogo nel corso di un servizio mirato antidroga. Questi bloccarono Greco mentre stava percorrendo via Alessandro Manzoni, nel rione Santa Rosa, a bordo di un monopattino e in seguito alla perquisizione personale che diede esito negativo, decisero di procedere a quella domiciliare.

In casa, c’era la compagna del 29enne e i due, sollecitati dagli investigatori, consegnarono spontaneamente la droga: due involucri contenenti cocaina presi da un borsello custodito in uno stanzino, per complessivi 28,7 grammi, dai quali si sarebbero potute ricavare 150 dosi.

Ma non finisce qui. In un ripostiglio del giardino, gli uomini dell’Arma trovarono alcune scatole di cartone, all’interno delle quali erano stati conservati 152 chili di materiale esplodente, fra cui 86 petardi AK47, di quarta categoria, e altri 42 di fattura artigianale, non classificati. Così al termine delle verifiche la coppia fu accompagnata in caserma e dichiarata in arresto. Informato il pubblico ministero di turno, la sostituta Maria Vallefuoco, per entrambi fu disposta la misura cautelare dei domiciliari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cocaina e 150 chili di materiale pirotecnico in casa: due patteggiamenti

LeccePrima è in caricamento