Cronaca Via Omero

Operaio grave in ospedale: malore al lavoro nei campetti della chiesa

Potrebbe essere stato anche un colpo di calore a provocare il collasso di un 46enne di Lizzanello, mentre era con alcuni colleghi a Collepasso. Portato a Galatina e poi trasferito a Lecce

COLLEPASSO – Forse un colpo di calore, forse un malore improvviso dovuto a qualche patologia pregressa. Forse una combinazione di entrambi i fattori. Si possono formulare solo ipotesi, per ora. Saranno, dunque, gli accertamenti sanitari a spiegare meglio cosa accaduto, oltre a quelli della polizia e degli ispettori dello Spesal.

L’unica certezza, al momento, è questa: un operaio, nel primo pomeriggio di oggi, mentre era al lavoro in un cantiere, all’improvviso s’è accasciato al suolo. Tale la situazione che due sue colleghi hanno deciso immediatamente di accompagnarlo in auto e trasportarlo nell’ospedale più vicino. E, dopo essere transitato dal pronto soccorso di Galatina, più avanti nelle ore è stato trasferito all’ospedale “Vito Fazzi” di Lecce.

Sono ore di ansia, adesso, per le sorti di A.B., 46enne di Lizzanello. L’uomo, con altri due operai, nel primo pomeriggio di oggi stava svolgendo alcuni lavori edili presso un campo di calcetto, quello attiguo alla parrocchia “Cristo Re” di Collepasso, in via Omero, alla periferia del paese, quando ha avvertito un malore improvviso. Subito i colleghi l’hanno condotto al “Santa Caterina Novella” di Galatina, dove vi è arrivato attorno alle 14,30, e qui, al triage, gli è stato assegnato un codice rosso.

Considerando la situazione, è stata avvisata la polizia. A Collepasso, così, si sono diretti agenti di polizia del Commissariato di Galatina, con la scientifica. Ed è stato inviato anche personale dello Spesal di Maglie per le verifiche sul cantiere, trattandosi, a tutti gli effetti, di un problema di tipo sanitario sopravvenuto su un luogo di lavoro, inquadrabile come possibile infortunio.

A proposito dei lavori, a quanto sembra, sono stati commissionati proprio dal parroco. E ora vi sono accertamenti di rito sulla ditta. Mentre nel pomeriggio inoltrato, il 46enne è stato trasportato a Lecce, visto che la situazione, dal punto di vista clinico, è al momento molto delicata. Da ricordare che in Puglia è stata emanata un'ordinanza anticaldo, ma che questa riguarda, come noto, il lavoro nella fascia oraria fra le 12 e le 16 nel solo settore agricolo. Tuttavia, in questo momento, con le temperature stagionali di gran lunga superiori alla media del periodo, qualsiasi attività fisica prolungata nei momenti più caldi della giornata, può comportare rischi per la salute.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio grave in ospedale: malore al lavoro nei campetti della chiesa

LeccePrima è in caricamento