Saccheggiano di ori e 13mila euro due case e spingono la proprietaria

A Copertino caccia a una banda di quattro soggetti. Derubata in via Adige un'intera famiglia. Sul caso indagano i carabinieri

COPERTINO – La proprietaria di una delle due abitazioni, 70enne, ha passato uno di quei momenti difficili da digerire. Stava rincasando, non ha fatto nemmeno in tempo ad aprire la porta, che ne sono sbucati tre perfetti sconosciuti. Avevano le mani piene del bottino racimolato in casa sua e del figlio. Urtata in modo rude, è anche caduta per terra. Per fortuna, senza riportare conseguenze. Almeno sul piano fisico. Ma il ricordo della serata rimarrà impresso per sempre nella memoria.

I carabinieri della tenenza di Copertino e della compagnia di Gallipoli, in queste ore, stanno dando la caccia a una banda composta da quattro uomini, che è fuggita dopo aver “prelevato” oltre 13mila euro in contanti, più una serie di monili e oggetti in oro che, al termine della quantificazione, faranno levitare, e non di poco, il danno.

Tutto è accaduto una ventina di minuti prima delle 20. I ladri, a volto scoperto e con accento locale, hanno fatto irruzione in un immobile di via Adige, a Copertino, abitato da un unico nucleo famigliare. Al piano superiore, un 39enne; sotto, i genitori. Nessuno era presente al momento dell'effrazione. I ladri, dunque, prima hanno scardinato una cassaforte nell'appartamento del giovane, dove c'erano 13mila euro in contanti e alcuni monili, poi sono passati al piano terra, in casa della coppia, racimolando altri ori e ulteriori 500 euro. Usciti di corsa, l'imprevisto: davanti si sono ritrovati la 70enne.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Erano in tre e di certo l'incontro casuale non li ha fermati. Sospinta la vittima (ragion per cui si procede tecnicamente per rapina impropria), sono balzati su un'auto grigia, station wagon, di modello imprecisato. Scoperto in breve quanto accaduto dentro le case, ritovate a soqquadro, non è rimasto altro da fare che avvisare, amaramente, il resto della famiglia e comporre il 112. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento