menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato dai carabinieri il giorno della retata

Il materiale sequestrato dai carabinieri il giorno della retata

Droga nella borsa, e in due tentarono la fuga dai tetti: inflitte tre condanne

Tre anni e quattro mesi di reclusione è il verdetto emesso nei riguardi dei giovani neretini finiti nei guai lo scorso maggio, quando i carabinieri li trovarono in possesso di diverse sostanze stupefacenti

NARDO' - E’ arrivato il verdetto nei riguardi dei tre ragazzi finiti nei guai lo scorso maggio, quando i carabinieri li trovarono in possesso di droga al termine di un intervento reso piuttosto complicato dalla fuga sui tetti di due di loro.

E’ di tre anni e quattro mesi di reclusione a testa la condanna inflitta dal giudice per l’udienza preliminare (gup) Laura Liguori a Marco Alemanno, 25enne di Nardò, e ai compaesani Ilario Toma, 30enne, e Giulia Martina, 20enne.

Nel processo discusso ieri mattina col rito abbreviato, la pubblica accusa, rappresentata dal pubblico ministero Alberto Santacatterina, aveva invocato una pena decisamente inferiore, a un anno a testa, contestando “la lieve entità” al reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Ma il giudice ha evidentemente ritenuto fosse sussistente l’ipotesi più grave, infliggendo così condanne tre volte superiori.

Le motivazioni della sentenza saranno depositate entro quaranta giorni, e i difensori (gli avvocati Antonio Falangone, Andrea Bianco e Luigi Vetere) hanno già annunciato di aver predisposto il ricorso in appello.

Il giorno della retata in casa c’era anche un 17enne che, al termine degli accertamenti, finì in un centro di prima accoglienza, mentre per gli altri tre furono disposti i domiciliari.

Nelle mani dei carabinieri della stazione di Nardò, comandati dal luogotenente Vito De Giorgi, finì una borsa dove erano state riposte sei dosi di cocaina già confezionate per tre grammi, un involucro, sempre con cocaina, e questa volta per 26 grammi e, ancora, due altri pacchetti con, rispettivamente, 57 grammi di marijuana e 43 di hashish. Nella stessa borsa c’erano anche la somma in contanti di 2mila e 530 euro, anche questa sequestrata con la droga poiché ritenuta dai militari probabile provento di spaccio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento