Cronaca

Elicotteri a bassa quota, ma non è un'invasione: Enel sonda la rete elettrica

E' partito il secondo atto dei controlli. Da verificare 400 chilometri di linee aeree di media tensione e altre strutture

LECCE - Potrebbe capitare a molti, in questi giorni, di avvistare alcuni elicotteri sui cieli di Lecce e provincia, anche a bassa quota. Nessuna operazione di polizia a largo raggio, tantomeno esercitazioni militari. Piuttosto, sono i mezzi aerei di E-distribuzione, società che fa capo a Enel. I quali hanno ripreso i controlli incrociati, dall’alto, sulla rete distribuzione dell’energia elettrica. Si tratta di mezzi, peraltro, dotati di speciali strumenti di rilevazione che consentono un check-up aereo.

E-distribuzione, nel biennio 2014-2015, ha già ispezionato circa 3mila chilometri di linee. Quest’anno, dunque, si torna a monitorare la rete. Ci sono, infatti, ulteriori 400 chilometri di linee aeree di media tensione e centinaia di sezionatori di manovra da verificare.

Si tratta di una rete elettrica che alimenta circa 4mila e 400 cabine elettriche di trasformazione, 2mila e 900 posti di trasformazione a palo che forniscono energia a circa 550mila utenti di bassa tensione e un migliaio di utenti di media tensione.

La verifica in elicottero, spiegano dall’Enel, consiste nell’ispezione delle linee difficilmente controllabili da terra. Ecco perché voli a bassa quota, che consentono la rilevazione visiva, a elevata risoluzione, di eventuali anomalie e la ripresa video della situazione sugli impianti. Durante queste ispezioni, particolare attenzione si pone alla presenza di piante nelle immediate vicinanze dei conduttori, allo stato dei sostegni, delle mensole, degli isolatori e dei posti di trasformazione su palo.

Le operazioni avvengono con le linee elettriche in tensione, senza ricorrere a interruzioni del servizio. Quest’anno, inoltre, su una parte delle linee ispezionate, è stata sperimentata la tecnologia Lidar (Laser imaging detection and ranging). Consente, con misurazioni laser, di individuare con elevata precisione le distanze degli impianti elettrici da piante, fabbricati e ogni altra interferenza che possa comprometterne il corretto funzionamento.

Al controllo aereo seguono l'analisi di dettaglio dei dati registrati ed eventuali ispezioni mirate dei tecnici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Elicotteri a bassa quota, ma non è un'invasione: Enel sonda la rete elettrica

LeccePrima è in caricamento