Feto morto nascosto nel giardino, ragazza ascoltata dai carabinieri

I militari di Galatina hanno sentito su delega una 22enne moldava accusata d'infanticidio e occultamento di cadavere. I fatti si sono verificati in Calabria, a Cirò Marina. La scoperta, il 26 marzo

GALATINA – E’ stata ascoltata due giorni addietro, giovedì scorso, la 22enne di origine moldava, attualmente domiciliata nella zona di Galatina, indagata per una triste vicenda: dopo aver partorito, ha nascosto il feto in un giardino dell’abitazione di un’anziana donna presso la quale aveva lavorato in passato, a Cirò Marina, in provincia di Crotone, in qualità di badante.

Nel frattempo trasferitasi nel Salento, il corpicino, in avanzato stato di decomposizione, è stato poi ritrovato il 26 marzo scorso da una nuova badante della donna, in maniera del tutto casuale, durante alcuni lavori, come riportano diverse testate calabresi.

I sospetti dei carabinieri della stazione di Cirò Marina, intervenuti per un sopralluogo, si sono addensati in poche ore su quella ragazza moldava, tanto che in breve è stata individuata. La Procura di Crotone ha poi delegato il compito ai militari della stazione galatinese, dipendenti dalla compagnia di Gallipoli, di ascoltare la ragazza, che nel frattempo è stata iscritta nel registro degli indagati con le ipotesi di reato di infanticidio e occultamento di cadavere.

Ai carabinieri, la giovane ha spiegato di essere rimasta incinta mentre si trovava in Moldavia, di aver partorito in casa dell’anziana senza alcun aiuto. Il feto, a suo dire, sarebbe già stato dato alla luce privo di vita. E dopo, forse per paura e non sapendo come comportarsi, la decisione di dargli quella sepoltura segreta, senza che nessuno sapesse nulla. Per molti mesi nessuno ha mai sospettato di nulla, fino a ritrovamento. Il seppellimento, infatti, sarebbe avvenuto nel periodo del Natale scorso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ieri, intanto, il medico legale Massimiliano Rizzo, ha svolto l’autopsia. E, a quanto pare, sempre secondo quanto riportano testate calabresi, dall'esame sarebbero emersi elementi che rendono un fondo di verità al racconto della donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • “Vai a casa mia e sposta tutto”. Ma vedono il messaggio e trovano la droga

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Colpo in testa e via con i soldi: portiere dell’hotel aggredito per rapina

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento