menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Figli violenti contro le madri: un arresto e una denuncia dopo aggressioni

A Ugento è stato fermato in piena notte un 30enne: le intemperanze da due mesi. A Scorrano bloccato un 35enne dai carabinieri

LECCE - Maltrattamenti in famiglia e  resistenza a pubblico ufficiale. Con queste accuse i carabinieri hanno condotto in carcere, a Lecce, Marco Scarcella, 30enne di Ugento. Ad ammanettarlo sono stati i carabinieri della stazione di Melissano con i carabinieri del Norm di Casarano, che sono arrivati intorno all’una di notte in casa del giovane.

Usando oggetti di casa, stava bersagliando la madre, continuando a offenderla. Una situazione, stando a quanto ricostruito una volta bloccato il giovane e ascoltata la povera donna, che ormai andava avanti da un paio di mesi. Minacce e danneggiamenti di suppellettili di casa erano il modo che il giovane aveva per “richiedere” denaro da impiegare nell’acquisto di stupefacenti.

Fra l’altro, nella notte, quando Scarcella ha visto arrivare i carabinieri, ha anche tentato la fuga a piedi. Rincorso, però, è stato raggiunto e bloccato.

Scorrano, una denuncia

Da Ugento a Scorrano, per un fatto avvenuto, invece, a metà mattinata quando M.F., 35enne, un soggetto già in cura e in preda a un forte stato d’agitazione, ha tentato di aggredire la madre. I parenti sono stati costretti a chiamare i carabinieri della stazione locale che invano hanno tentato di calmarlo. Piuttosto, ha finito per scagliarsi contro uno di loro.

Immobilizzato, è stato poi richiesto l’intervento del 118. Il giovane è stato ricoverato presso l’ospedale “Ferrari” Casarano. Intanto, gli sono stati contestati i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficale. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento