Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca

Finisce con la moto contro la fiancata di un'Alfa: centauro muore sul colpo

Ancora un lutto sulle strade del Salento a distanza di poche ore dalla tragedia in cui sono spirati due 16enni. Cosimo Elia, 34enne, era di Depressa, frazione di Tricase. L'incidente è avvenuto fra la sua Suzuki e un'auto condotta da un 22enne di Ortelle. Sul posto sanitari del 118 e carabinieri

Foto di William Tarantino

ORTELLE – Non è riuscito a fermare la moto in tempo. L’auto, proprio in quel momento, era in fase di svolta. Sembra essere questa la dinamica, a grandi linee. Una cosa è certa: l’impatto è stato micidiale e, purtroppo, fatale per un centauro. Dopo la caduta, per lui non c’è stato nulla da fare. Un istante, e un’altra vita è volata via. Un settembre da dimenticare per la provincia di Lecce.   

Giù, perché sembra davvero non esserci pace sulle strade del Salento. Nemmeno il tempo di assorbire il micidiale colpo per la morte di due 16enni, avvenuta alle prime ore di domenica nei dintorni di Melendugno, ed ecco un altro lutto. Nello scontro fra un’Alfa 156 e una moto Suzuki da strada, è spirato nel pomeriggio Cosimo Elia, 34enne di Depressa, frazione di Tricase. Celibe, era impiegato presso una ditta per la quale faceva l'autista. Per lui non c’è stato nulla da fare. I sanitari del 118 hanno tentato inutilmente di rianimarlo. Le lesioni si sono rivelate troppo gravi. Dall’asfalto non s’è più sollevato.    

Tutto s’è consumato intorno alle 17,30 lungo la strada provinciale che collega Poggiardo a Diso, proprio alle porte di Ortelle. Elia stava guidando in direzione di Tricase, presumibilmente, quindi per rientrare verso casa. Nella stessa direzione, davanti a lui, viaggiava un giovane di 22 anni all’interno dell’Alfa, di proprietà di suo padre, un uomo di 48 anni di Ortelle.

In auto il ragazzo era da solo. A quanto pare, l’impatto è avvenuto proprio nel momento in cui si apprestava a svoltare verso sinistra, come sembrerebbe attestare anche il punto in cui i due veicoli si sono scontrati: la fiancata posteriore sinistra.

Elia è andato a finire con la moto proprio addosso allo sportello, ed è caduto rovinosamente per terra. Le condizioni sono apparse subito crtitiche agli occhi dei presenti. Sul posto sono stati chiamati a intervenire i sanitari e i carabinieri della stazione di Poggiardo, dipendenti dalla compagnia di Maglie, comandata dal capitano Luigi Scalingi, per i rilievi. I soccorritori, però, alla fine non hanno potuto fare altro che constatare il decesso di Elia. Vano ogni tentativo per cercare di rimettere in moto il cuore. 

Il giovane conducente dell’Alfa, sotto choc, ma senza particolari conseguenze, è stato invece trasportato presso l’ospedale "Delli Ponti" di Scorrano per i test di rito, in grado di rilevare l’eventuale presenza di sostanze nel sangue. E' risultato negativo sia alla droga, sia all'alcool.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Finisce con la moto contro la fiancata di un'Alfa: centauro muore sul colpo

LeccePrima è in caricamento