Cronaca Via Giuseppe Zanardelli

Maxi furto da 100mila euro in casa del giudice. Ladra fugge con gioielli

La donna si è introdotta nell'appartamento del gip Vincenzo Brancato, arraffando una trousse contenente i monili, per svariate migliaia di euro. Alla vista del proprietario è fuggita, senza lasciare tracce. Neppure di effrazione

Foto di repertorio

LECCE  - Stava approfittando della siesta pomeridiana. Con lui uno dei figli. Ma la tranquillità della pausa post-pranzo è stata interrotta da una vicenda che ha dell'assurdo. Il magistrato Vincenzo Brancato, infatti, poco prima della delle 15, ha scorto una donna aggirarsi nel suo appartamento di via Giuseppe Zanardelli, a due passi da Piazza Mazzini.

L'ha notata, ma questa è riuscita a fuggire. Con un cofanetto di preziosi del valore di 100mila euro, prelevato direttamente dal bagno dell'abitazione. Il gip ha immediatamente allertato gli agenti di polizia delle Volanti, della Squadra mobile e della polizia scientifica della questura leccese che, sopraggiunti, non hanno riscontrato neppure un segno di effrazione sulla porta di ingresso. Nessun danneggiamento, forse perché la donna si è fatta strada, come spesso accade,  utilizzando una carta bancomat,utilizzata per scardinare il fermo della serratura. E sarebbe proprio la modalità con cui la donna si è introdotta nell'appartamento ad accendere  numerosi interrogativi ed enigmi. Primo, fra tutti, quello  della trousse contenente monili: è l'interrogativo principale che si sono posti gli inquirenti nelle ultime ore.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Maxi furto da 100mila euro in casa del giudice. Ladra fugge con gioielli

LeccePrima è in caricamento