Cronaca

Lite per un gatto avvelenato, ferito al volto con un taglierino

Galatone: in via Dante, un 40enne ha riportato lesioni per sette giorni. A colpirlo, sarebbe stato un rumeno 36enne. I carabinieri stanno ricostruendo i fatti nel dettaglio

GALATONE – Si sono affrontati alla 2 di notte nel pieno centro storico di Galatone, in via Dante Alighieri, una stradina che confluisce su via Roma. Forse un chiarimento, all’origine di tutto, ma con una lite che a un certo punto deve essere diventata talmente animata, da degenere fino al momento in cui, all’improvviso, è spuntato un taglierino.

A impugnarlo, sarebbe stato un rumeno di 36 anni, che è stato in seguito identificato dai carabinieri della stazione locale e che rischia di essere denunciato nelle prossime ore per lesioni aggravate.

A rimanere ferito al volto, invece, un uomo originario della provincia di Brindisi, ma residente a Galatone, di 40 anni. All’origine dell’acceso diverbio, vi sarebbe la sorte di un gatto, che sarebbe stato avvelenato. Un gatto, peraltro, che non appartiene al 40enne, ma ad altre persone.

La discussione, dunque, sarebbe nata inizialmente fra i proprietari dell'animale e il 36enne straniero. Sembra che proprio a quest’ultimo sia stata imputata l’uccisione. Se a torto o a ragione, questo ancora non è dato saperlo con alcuna certezza. E questo è quanto è stato possibile ricostruire al momento, per sommi capi, anche dai carabinieri che in seguito hanno avviato gli accertamenti.

Tant’è: nel pieno della notte fra sabato e domenica, nel vicolo sono risuonate le urla, fin quando, con quell’arnese da taglio, il 36enne non avrebbe ferito il 40enne al volto, all’altezza della mandibola. Quest’ultimo, dunque, sarebbe intervenuto nella discussione in un secondo momento.

Non ha riportato una lesione grave, per fortuna, ma comunque ha avuto necessità di cure mediche. L’uomo, pertanto, è stato trasportato presso l’ospedale “Santa Caterina Novella” di Galatina, dove i sanitari hanno suturato la ferita. La prognosi è di sette giorni.

Nel frattempo, la vicenda è stata segnalata alle forze dell’ordine e si sono mossi i carabinieri, che hanno svolto le prime ricostruzioni e stanno ora cercando di verificare tutti i fatti. Nelle prossime ore, si attende che il 40enne sporga denuncia (in una vicenda in cui, comunque, si sta procedendo d’ufficio), specificando meglio la sua versione. Si dovranno, ovviamente, ascoltare tutti i presenti, compreso il rumeno 36enne, per avere un quadro preciso di quanto realmente avvenuto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lite per un gatto avvelenato, ferito al volto con un taglierino

LeccePrima è in caricamento