Cronaca Copertino

Gemelline, forse una malformazione la causa del decesso

L'esame autoptico eseguito sul corpo di Elena ha evidenziato analoghi problemi cerebrali già riscontrati su Letizia. Per le certezze, ora si attende il referto dei prelievi istologici e genetici

corsia ospedale

E' stato eseguito oggi l'esame autoptico sul corpo della piccola Elena Barba, la neonata deceduta l'8 dicembre del 2006, ovvero pochi giorni prima che la stessa sorte toccasse alla gemella, Letizia, il cui cuore smise di battere il 27 gennaio di quest'anno. Ad occuparsi dell'esumazione e delle analisi sul corpicino sono stati i consulenti tecnici del pubblico ministero Maria Cristina Rizzo, i dottori Roberto Vaglio e Antonella Vimercati, e la dottoressa Cinzia Caprioli, consulente indicato dai genitori delle gemelle (Giuseppe Barba e Maria Grazia Pallara, di Arnesano).

Secondo i primi risultati, sul corpo di Elena sarebbero stati riscontrati analoghi malfunzionamenti e patologie cerebrali già evidenziati su Letizia, già oggetto di precedente esame autoptico. Per avere un quadro più preciso, però, bisognerà attendere l'analisi dei tessuti. Oggi, infatti, sono stati anche eseguiti i prelievi istologici e genetici che risulteranno determinanti al fine di chiarire le cause del decesso. La risposta si avrà quindi nei prossimi mesi.

La triste vicenda ebbe inizio presso l'ospedale di Copertino quando, il 19 novembre del 2006 Maria Grazia Pallara, di Arnesano, mise al mondo le due bambine. I medici le praticarono un parto cesareo, ma, a causa di alcune serie complicazioni respiratorie, venne disposto il trasferimento d'urgenza presso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce. E lì, nonostante le cure intensive, per le due bambine non vi fu nulla da fare.


Per fare luce sul caso, il padre delle bambine e marito di Grazia, Giuseppe Barba, inoltrò un esposto presso la procura della Repubblica, a carico di ignoti. L'ipotesi di reato, omicidio colposo. La coppia è difesa dagli avvocati Giuseppe Milli e Gianluca Barba.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Gemelline, forse una malformazione la causa del decesso

LeccePrima è in caricamento