Cronaca

In casa armi, droga e refurtiva, condannato a quattro anni in abbreviato

Fu arrestato nel corso di un blitz in piena regola condotto dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria. Ieri Gianluca Stella è stato condannato a quattro anni di reclusione al termine del giudizio con rito abbreviato. Le fiamme gialle trovarono due pistole e marijuana

LECCE – Fu arrestato nel corso di un blitz in piena regola condotto dai finanzieri del Nucleo di polizia tributaria, diretti dal tenente colonnello Nicola De Santis. Gli uomini del Goa passarono al setaccio, grazie anche all’ausilio di un cane antidroga, alcune abitazioni e box presenti nella zona 167 del capoluogo salentino.stella-gianluca-stampa-2-2

In quella di Gianluca Stella, 24enne leccese (che all’epoca si trovava ai domiciliari), trovarono due pistole, una Beretta con matricola abrasa calibro 6,35 e una a tamburo calibro 44, munizionamento di vario calibro (59 proiettili in tutto), un pugnale con una lama da 16 centimetri, 900 grammi di marijuana, 7 di cocaina, bilancini di precisione, sostanza da taglio e quanto necessario per confezionare le dosi, oltre a 4mila euro. Oltre alle armi alla droga i finanzieri trovarono dodici computer portatili, uno scanner e sei tablet.

Ieri, al termine del giudizio con rito abbreviato, il gup Giovanni Gallo ha condannato il 24enne a quattro anni di reclusione. Stella è assistito dall’avvocato Pantaleo Cannnoletta. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

In casa armi, droga e refurtiva, condannato a quattro anni in abbreviato

LeccePrima è in caricamento