Notte di fuoco: brucia un’auto, del bus della scuola non rimane più nulla

Completamente incenerito il pullman dell'istituto professionale alberghiero di Lecce. Era parcheggiato in prossimità della tangenziale ovest. Fiamme anche a Monteroni

Il pullman devastato nella notte

MONTERONI DI LECCE – Due incendi, nel giro di tre ore, devastano il pullman scolastico e un’auto. I due episodi, tra mezzanotte e mezzo e le 4, sono accaduti rispettivamente a Lecce e a Monteroni. Nel primo episodio, il bus appartenente all’Istituto professionale statale alberghiero “Columella”, è stato ridotto a uno scheletro di ferraglia. Dei sedili e della carrozzeria non è rimasto più nulla: decine di migliaia di euro di danni, per un episodio davvero misterioso. L’autobus degli studenti, infatti, era in sosta sotto a uno dei pilastri in cemento che sostengono la tangenziale ovest di Lecce, non molto distante, appunto dallo stesso istituto scolastico. Non è dato sapere perché si trovasse lì. (La redazione di LeccePrima ha provato a contattare l’istituto scolastico, ma inutilmente: il preside è attualmente fuori sede e non è stato possibile reperire dettagli o spiegazioni, ndr).

Forse era regolarmente parcheggiato lì da tempo, o qualcuno, di proposito, lo potrebbe aver spostato nella notte prima di ridurlo in cenere. Si tratta delle prime bozze investigative che potranno essere sviluappate solo in seguito. L’incendio, intanto, è stato domato dai pompieri, allertati dagli automobilisti. Le lingue di fuoco, infatti, erano visibili da lontano: non solo perché l’autobus è andato completamente in fumo, ma anche perché la colonna di fumo che si è levata in cielo ha “invaso” la stessa tangenziale. Tanto che, oltre agli uomini del 115, ai carabinieri della stazione di San Pietro in Lama, è anche sopraggiunto il personale dell’Anas, per occuparsi della messa in sicurezza dell’anello che circonda la città. Le indagini sono tuttora in corso, sebbene piuttosto complesso stabilire chi possa aver pensato a un gesto simile. Poco probabile, secondo quanto accertato dagli inquirenti, il motivo accidentale. Dietro al gesto, infatti, potrebbero esserci stati intenti vandalici chissà per mano di chi.  E, soprattuto, perchè.

Sempre nella notte, inoltre, pochi minuti dopo le 4, i vigili del fuoco del comando provinciale hanno raggiunto anche Monteroni di Lecce. In via Basento, infatti, è andata in fumo la Ford Fiesta di un 39enne del posto, incensurato e nome del tutto sconosciuto alle forze dell’ordine. Ignoti hanno appiccato il fuoco alla vettura del malcapitato, al momento disoccupato, e provocato danni ingenti. Il fuoco ha consumato la sua vettura, fortunatamente risparmiando quelle in sosta nelle vicinanze. Pompieri e carabinieri della stazione locale, sopraggiunti dopo le segnalazioni telefoniche dei residenti, svegliati dai rumori dei vetri mandati in frantumi dal rogo, hanno ripristinato la normalità. Per poi avviare un’ispezione, dopo aver ascoltato il destinatario del messaggio. Poco probabile, infatti, la pista accidentale: si tratterebbe di un gesto di natura dolosa difficile da contestualizzare. Il titolare dell’auto, infatti, non ha alcun p recedente penale, né contatti con la criminalità. Si indaga, pertanto, tra le pieghe della sua vita privata, alla ricerca di eventuali dissapori maturati di recente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Violenze durante il sonno, a processo il padre adottivo

  • Finanziamenti con documenti falsi, al terzo tentativo scattano le manette

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento