rotate-mobile
Cronaca Squinzano / Via Provenzano

Paura per un anziano. Sigaretta resta accesa nel sonno e divampa il rogo in casa

L'episodio è avvenuto intorno alle 4, in un'abitazione di Casalabate. Il proprietario di casa, un 65enne del posto, si trovava a letto quando è partito il rogo. I danni arrecati sono soprattutto visibili sui muri, anneriti, e su materasso e mobilio. Il malcapitato è stato soccorso dai sanitari del 118, accorsi assieme ai vigili del fuoco

CASALABATE (Squinzano) – La scena è quella fotocopia a cui si è assistito diverse altre volte. Il mozzicone della sigaretta lasciato sbadatamente acceso, ed è divampato l’incendio. Intorno alle 4 della notte, infatti, le fiamme hanno colpito la camera da letto di un appartamento di via Provenzano a Casalabate, la marina di Squinzano.

Un uomo del posto, di 65 anni, ha rischiato di rimediare conseguenze ben più serie. La sigaretta rimasta accesa durante il sonno ha incendiato sia il materasso, sia parte del mobilio. L’uomo si è fortunatamente svegliato, ritrovandosi in una nube di fumo e in preda allo spavento.  E’ stato raggiunto immediatamente dai vigili del fuoco del comando provinciale e dai sanitari del 118 per una lieve intossicazione e per quello stato di agitazione dovuto a un risveglio non proprio dei migliori.IMG_3301-2

I pompieri hanno domato il rogo e messo in sicurezza la casa che, al momento, non presenterebbe danni strutturali. Le conseguenze arrecate dalle fiamme, ancora in fase di quantificazione, sono quelle visibili sulle pareti interne, annerite dal fumo. E su parte dell’arredamento. Ma il proprietario non ha, fortunatamente, riportato gravi danni di salute. Tanto da rifiutare il ricovero presso l'ospedale.

E’ stato mediato sul luogo dell’incendio, dove sono anche accorsi i carabinieri della stazione di Squinzano, assieme ai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paura per un anziano. Sigaretta resta accesa nel sonno e divampa il rogo in casa

LeccePrima è in caricamento