Inchiesta "Aequanius", due le richieste di condanna formulate in abbreviato

Sono due le richieste di condanna formulate dall’accusa nel giudizio con rito abbreviato per gli imputati coinvolti nell’ambito dell’operazione “Aequanius”, in cui si ipotizzano, a vario titolo, i reati di usura, estorsione e attività finanziaria abusiva, per aver messo creato un giro di affari nella zona del nord Salento

LECCE – Sono due le richieste di condanna formulate dall’accusa nel giudizio con rito abbreviato per gli imputati coinvolti nell’ambito dell’operazione “Aequanius” (il nome di un’antica famiglia che potrebbe aver dato origine al paese di Guagnano), in cui si ipotizzano, a vario titolo, i reati di usura, estorsione e attività finanziaria abusiva, per aver messo creato un giro di affari nella zona del nord Salento, tra Salice Salentino e, appunto, Guagnano, con tassi del 10 per cento mensile. L’inchiesta è coordinata del sostituto procuratore della Dda di Lecce Alessio Coccioli.

Si tratta, in particolare, di Luigi Albanese, 57enne originario di Casarano, direttore all’epoca dei fatti contestati della Bpp di Guagnano; e Claudio Bianco, 51enne di Guagnano, già carabiniere. Due anni la richiesta del pubblico ministero per Albanese assistito dall’avvocato Massimo Manfreda, e un anno e quattro mesi per Bianco, assistito dall’avvocato Antonio Degli Atti.

A giudizio sono già finiti Antimo Leone, 55enne di Guagnano; Antonio Fernando Olivieri, 61enne di Guagnano; Pasquale Giannotte, 40enne di Salice Salentino; Ciro Iaia, 78enne di Guagnano; Elio Quaranta, 52enne di Salice; Antonio Pacella, 47 enne di Salice; e Anna Palazzo, 41enne di Salice.

Tra gli imputati, come detto, figura anche un direttore di banca che in concorso con altri avrebbe, in più occasioni, concesso in prestito somme di denaro, ottenendo in cambio interessi usurari, regali e favori da parte delle presunte vittime, tutti imprenditori della zona. Due degli arrestati, Iaia e Olivieri, quest’ultimo già condannato definitivamente per 416 bis, e domiciliato nel vercellese ormai da tempo, rispondono anche dell’aggravante del metodo mafioso, avendo fatto riferimento a individui criminali, ritenuti vicini agli ambienti della Sacra corona unita, al fine di costringere una delle vittime a onorare i debiti usurari contratti, pena pesanti ritorsioni personali. Inquietanti le frasi emerse durante le intercettazioni, del tipo: “Pagherai con il sangue”.

Il funzionario, in particolare, sarebbe intervenuto secondo l’ipotesi accusatoria per ritardare alcune operazioni bancarie, o per favorirne altre a favore dei clienti in difficoltà. In cambio, ha ricevuto un paio di personal computer, un televisore da 32 pollici e diversi altri favori da parte degli imprenditori, in base al ramo di questi ultimi. Gli apparecchi sono stati posti sotto sequestro dai militari dell’Arma, durante le perquisizioni. Il bancario avrebbe agevolato il “canale” privato dei prestiti, suggerendolo come soluzione a coloro che non avevano accesso al credito.

Luigi Albanese-2-2-2Il prestito veniva, di solito, concesso tramite assegno postdatato, con scadenza a 30 giorni. La somma, però, veniva già preventivamente decurtata del tasso di interesse. Ma i contanti che l’imprenditore era tenuto a corrispondere, rimanevano gli stessi. La cosiddetta “usura a fermo”, come sottolineato dal comandante del Nucleo investigativo dei carabinieri, Biagio Marro. Quando il prestito non era saldato per tempo, veniva erogato un altro importo, con scadenza più lunga, come 60 giorni, creando però un circolo vizioso e una spirale dalla quale le vittime non erano più in grado di uscire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A dare avvio alle indagini, nel febbraio 2012, la denuncia sporta dal titolare di una concessionaria di automobili, hanno consentito di individuare l’esistenza di una piccola, ma ben organizzata compagine, dedita al mercato del credito “a strozzo”, che traeva la propria linfa dalle crescenti criticità economiche di piccoli imprenditori locali, con difficoltà ad accedere al credito. Dopo i primi riscontri, si sono aggiunte altre denunce, sempre da parte di titolari di piccole aziende, che hanno contribuito a chiarire il quadro socio-economico di riferimento e a chiarire le condotte criminali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

  • Coronavirus: 50 nuovi in Puglia, 6 in provincia di Lecce. E un positivo al voto a Nardò

  • Furgone sbanda, finisce contro l’albero e prende fuoco: un ragazzo in coma

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento