menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Misteriosi spari nel centro abitato: al vaglio la posizione di quattro cittadini

Un paio di colpi, partiti da un fucile da caccia, esplosi in aria. È accaduto a Trepuzzi, a margine di un litigio del quale non si conoscono i motivi

TREPUZZI – Una violenta lite e parte uno, forse due colpi di arma da fuoco. I carabinieri stanno vagliando la posizione di quattro persone, identificate nelle ultime ore a Trepuzzi. Si tratta di tre uomini e una donna coinvolti in un episodio dai contorni ancora poco chiari. Nei confronti delle persone identificate non è stato emesso alcun provvedimento per ora: nessuno risulta indagato, ma non è escluso che potrebbero esserci delle novità nelle prossime ore.

Tutto è cominciato intorno all’una della scorsa notte, nel pieno centro abitato della cittadina. Alcuni colpi sono stati uditi dal vicinato all’angolo tra via Montale e via Montinaro. Nel corso della mattinata, i carabinieri della stazione locale e i colleghi della compagnia di Campi Salentina si sono recati sul luogo. Assieme al personale della Sezione investigazioni scientifiche hanno eseguito i rilievi, alla ricerca di elementi balistici utili all’attività investigativa. Stando a quanto ricostruito in questa prima fase, la lite sarebbe avvenuta a seguito di una discussione con una ragazza del posto. Ma il contesto nel quale è maturata la lite non è stato ancora chiarito. Di certo c’è che sono partiti dei colpi da un fucile da caccia.

E l’autore, dopo aver sparato, si è dileguato nelle vie della zona per poi tornare sul luogo assieme a un altro individuo e proseguire il litigio con la ragazza, ma senza altre conseguenze. A questa seconda tranche, erano presenti anche un terzo uomo e una donna. Tutti quanti invitati in caserma per essere ascoltati. Durante il sopralluogo eseguito dai militari dell’Arma, è stata sequestrata una borra da caccia calibro 12, un componente dell’arma che contribuisce a influenzare la velocità e la pressione dello sparo.

I militari hanno intanto recuperato anche i filmati del sistema di videosorveglianza installati nell’isolato, dai quali è stato possibile risalire ai protagonisti di questa strana vicenda. I quattro individui coinvolti sono stati ascoltati, così come la ragazza alla quale erano indirizzati i colpi e diverse altre persone del luogo che potrebbero essere informate sui fatti. Sconosciuto il motivo dell’accaduto: nessuna pista resta esclusa: da quella relativa a motivi di natura personale fino a possibili coinvolgimenti di qualcuno degli individui fermati in attività illecite.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento