Domenica, 16 Maggio 2021
Cronaca Via Roma

Ladri nel comando di polizia locale: via con un pc e telefoni, salve le armi

E’ accaduto la scorsa notte, nel municipio di Salve. I ladri, dopo aver arraffato un computer e cordless, sono fuggiti senza lasciare tracce apparenti. Sul posto, i carabinieri per le indagini e le ricerche dei responsabili

Foto di archivio.

SALVE – Ci riprovano e, quasi certamente, sono gli stessi. Ennesimo municipio “visitato” dai ladri, nel Salento. Il furto, la scorsa notte, a Salve, ai danni della sede della Comune, in via Roma. I malviventi hanno raggiunto i locali adibiti a sede della polizia locale e sono riusciti ad introdursi, dopo aver forzato una delle finestre dell’edificio. Una volta all’interno, indisturbati, si sono impossessati di tre telefoni e di un personal computer dalle scrivanie.

Arraffata la refurtiva, i ladri si sono dileguati senza lasciare tracce evidenti. Non sono state portate via le armi, fortunatamente, come invece accaduto in altri colpi simili, peraltro molto recenti. Non sono infatti riusciti a scovarle, così come le carte di identità. Come quello di dieci giorni addietro, nella sede comunale di Surbo, dove una banda ha portato via due pistole, trafugandole dagli armadietti metallici, dopo aver messo a soqquadro gli ambienti.

Sul posto, in mattinata, sono intervenuti i carabinieri della stazione di Salve, assieme ai colleghi del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Tricase. L’accaduto è stato scoperto quando i dipendenti comunali, poco prima delle 8, hanno raggiunto gli uffici per una giornata di lavoro. Purtroppo, il sistema di videosorveglianza installato all'esterno del Comune, non potrù fornire supporto all'attività investigativa, coordinata dal capitano Alessandro Riglietti: i ladri, infatti, prima di agire, hanno manomesso il sistema di allarme, asportando anche il dvr per impedire la ripresa della scena.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ladri nel comando di polizia locale: via con un pc e telefoni, salve le armi

LeccePrima è in caricamento