menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una volante di polizia di notte nel centro di Lecce (foto di repertorio).

Una volante di polizia di notte nel centro di Lecce (foto di repertorio).

Schiaffi e pugni al turista barese, gli rompono il naso. "Lite per una manovra"

La vittima è un 21enne della provincia di Bari. Si trovava in via Ascanio Grandi, nella notte, con un amico. Tutto nato, a loro dire, da un movimento improvviso con una Brava, con rischio d'investimento. Da lì, il diverbio sfociato in aggressione. Portato in ospedale dal 118. Sul posto le volanti

LECCE – Un’aggressione feroce e inutile, un pestaggio per un motivo banale. Questo, almeno, per quanto è stato possibile ricostruire al momento. Tanto che un banale bisticcio si sarebbe trasformato in una rievocazione delle peggiori risse da derby, in cui un giovane turista della provincia di Bari ha avuto la peggio: è stato soccorso dal 118 e condotto in ospedale con la sospetta frattura del setto nasale. E ora la polizia è a caccia degli aggressori.

Per adesso, di loro, gli agenti hanno solo alcune descrizioni fisiche, perché né il ferito, un 21enne, né un suo amico coetaneo che lo accompagnava, sono stati in grado di rilevare la targa dell’auto, una Fiat Brava di colore nero. Alla guida del veicolo si trovava uno dei due assalitori, presumibilmente leccesi o comunque salentini. L’altro, evidentemente un conoscente dell’automobilista, dopo avergli dato man forte, si sarebbe allontanato in fretta a piedi.

Il fatto s’è consumato intorno all’una e 20 della notte appena trascorsa in via Ascanio Grandi, nel cuore del centro storico, non lontano da Porta San Biagio. Un luogo ai margini della "movida" in cui in diverse occasioni sono sfociate risse e sono avvenuti anche altri episodi di microcriminalità. Al momento la polizia (sono intervenute le volanti) ha in mano soltanto le dichiarazioni dei due ragazzi baresi. Non sono stati trovati, infatti, ulteriori testimoni.

Stando a quanto riportato a verbale finora, dunque, i due turisti si trovavano al di fuori di una trattoria. All’improvviso, in via Grandi, la Brava, forse per uscire da un parcheggio, avrebbe svolto una manovra pericolosa, tanto da rischiare di travolgere il 21enne. E’ probabile che a quel punto ne sia nato un diverbio, sfociato in aggressione pura quando il giovane salentino alla guida ne sarebbe sceso, sferrando un pugno in pieno volto all’avversario.

Non solo. Si sarebbe fatto avanti anche un altro individuo, con ogni probabilità conoscente del conducente della Brava, che avrebbe rincarato la dose mollando al ragazzo barese un paio di ceffoni. Nessuna conseguenza, invece, per l’altro turista.

Dopo il rapido, quanto brutale pestaggio, la Bravo si sarebbe allontanata di scatto dalla scena. L’altro giovane, invece, se ne sarebbe fuggito a piedi. Il ferito, dolorante al naso, soccorso in primis dall'amico, ha chiamato il 118. Con i sanitari i due giovani si sono incontrati in via XXV Luglio dopo aver attraversato piazza Sant’Oronzo, un punto più facile da raggiungere per l'ambulanza.

Sul posto sono intervenute anche le volanti di polizia. Gli agenti hanno raccolto le prime informazioni.  In auto sembra che si trovasse un soggetto con una felpa nera. L’altro individuo, invece, quello allontanatosi da via Grandi a piedi, sarebbe robusto, con i capelli rasati, e pare indossasse una maglia scura con fiori colorati.

I sanitari hanno riscontrato la presenza di un piccolo taglio sulla parte superiore del naso della vittima  e, soprattutto, la probabile frattura del setto. Per questo, è stato trasportato in ospedale, presso il pronto soccorso del "Vito Fazzi". Il suo amico, ascoltato dalla polizia, non ha saputo fornire ulteriori indicazioni rispetto a quelle, piuttosto scarne, già raccolte. D’altro canto, i due hanno sostenuto di non conoscere minimamente gli aggressori, visto anche che a Lecce solo di passaggio per qualche giorno.

Gli agenti hanno provato a perlustrare la zona, ma in via Grandi e vicinanze non c’era più nessuno e, data l'ora, anche i locali erano chiusi. Non è stato possibile, dunque, ottenere per ora riscontri più solidi rispetto a questa versione.  

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento