rotate-mobile
Venerdì, 21 Gennaio 2022
Cronaca

Fermato, scatta la perquisizione: hashish e cocaina fra scarpe e scatole

I carabinieri della Sezione radiomobile di Lecce hanno arrestato un 30enne. Trovati anche foglietti con la presunta contabilità e oltre mille euro in contanti. L'uomo ai domiciliari

LECCE – Nonostante il quantitativo di sostanza stupefacente non fosse particolarmente grosso, l’arresto è scattato comunque, probabilmente anche in virtù di un aspetto ritenuto non di poco conto: un paio di foglietti scritti a mano, con nomi e importi. Quella che è stata ritenuta la classica contabilità che fa pensare a un’attività di spaccio piuttosto avviata.  

A fermare Mattia De Tommasi, 30enne di Lecce, sono stati i carabinieri della Sezione radiomobile dopo un appostamento (l'indagato non è da confondere con un suo omonimo, peraltro 35enne, agente dell'immobiliare "Mazzini" di Lecce, Ndr).

Nonostante l’assenza di precedenti per droga, i militari avevano puntato da giorni gli occhi addosso a lui, evidentemente dopo aver notato qualcosa di sospetto. Così, nel corso della giornata di ieri, l’hanno atteso discretamente appartati nei pressi di casa, nel quartiere Rudiae, fermandolo per un controllo appena varcata la soglia per uscire. E, a quanto pare, l’uomo avrebbe subito tradito un nervosismo eccessivo.

norm Lecce-2

Addosso non aveva nulla, a parte il cellulare, ma questo non ha impedito ai militari di proseguire il controllo nell’abitazione e in uno sgabuzzino a lui in uso fra i vari dello stabile in cui risiede. Trovando, alla fine, 3,20 grammi di cocaina, 53,60 di hashish, vario materiale per il confezionamento e denaro. Peraltro, è stata una sorta di caccia al tesoro, perché droga e materiale erano celati in più punti diversi.

Quattro pezzi di hashish, per esempio, erano in una scarpa, mentre un involucro contenente cocaina in una scatola di alluminio, insieme con la presunta contabilità, rotoli di nastro adesivo, forbice e busta con ritagli per ricavare le confezioni delle singole dosi, oltre a 1.240 euro in banconote di vario taglio. Mentre altri tre pezzi di hashish, un ulteriore involucro con cocaina e un bilancino si trovavano in una scatola di cartone, dentro lo sgabuzzino.

Tutto il materiale è stato sequestrato, così come i soldi, in quanto possibile guadagno derivante dallo spaccio. Sentito il pubblico ministero di turno, Massimiliano Carducci, il 30enne è stato arrestato e sottoposto ai domiciliari. De Tommasi è difeso dall’avvocato Alessandro Greco.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fermato, scatta la perquisizione: hashish e cocaina fra scarpe e scatole

LeccePrima è in caricamento