rotate-mobile
Sabato, 3 Dicembre 2022
Cronaca Centro / Via Guglielmo Marconi

La Fontana è un inno all'Armonia, ma le botte sono da orbi: denunciati

Due indiani deferiti nella notte in via Marconi, a Lecce. Una volante è arrivata sul posto dopo segnalazione al 113 di una lite in corso. Uno risponde di lesioni, il connazionale non era in regola con il permesso di soggiorno

LECCE – Due stranieri di nazionalità indiana, entrambi 30enni, uno dei quali non in regola con il permesso di soggiorno, sono stati denunciati nella notte. Tutto a causa di una lite degenerata, fino ad arrivare alle mani. Il fatto s’è verificato in via Guglielmo Marconi,  nei pressi del Castello di Carlo V, dove anche in altre occasioni vi sono state situazioni ad alta tensione, con risse fra stranieri, spesso alimentate dai fumi dell'alcool. L’ultima nota – almeno, dopo il caso della notte scorsa – risale alla sera del 21 giugno. Era avvenuta, paradossalmente, nei pressi della Fontana dell’Armonia.

La notte scorsa è stata per l’ennesima volta una segnalazione di alcuni passanti al 113, riferendo di due persone che stavano litigando animatamente, sempre non lontano pressi della celebre fontana il cui nome vorrebbe richiamare ben altro, a far scattare sul posto una volante di polizia. Di solito, basta la vista dell’auto a innescare il fuggi-fuggi generale. Questa volta, invece, gli agenti hanno trovato i due ancora sul posto, intenti in un’animata lotta.

I poliziotti li hanno fermati, procedendo alle ricostruzioni e alle identificazioni. L’unico in regola col permesso di soggiorno è quello che, fattivamente, è stato indagato per lesioni, visto che avrebbe sferrato un pugno contro il connazionale. Quest’ultimo, invece, ha subito la denuncia per inottemperanza al provvedimento di espulsione. Perciò, in prospettiva del successivo allontanamento, è stato messo a disposizione della Divisione immigrazione della Questura.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Fontana è un inno all'Armonia, ma le botte sono da orbi: denunciati

LeccePrima è in caricamento