rotate-mobile
Cronaca Santa Rosa / Via Giammatteo

Razzie dei ladri: cinque bar colpiti fra Santa Rosa e zona Partigiani

Malviventi scatenati a Lecce. Presi di mira New Piccadilly, bar Santa Rosa, CiVoleva e, due notti prima, Pitagora Cafè e Bar Vivaldi. Indaga la polizia

LECCE –Tre colpi in una sola notte. Due riusciti e un terzo fallito. Tutti concentrati in un solo quadrante di Lecce, il rione Santa Rosa. Effrazioni ai danni di bar, tutti posizionati relativamente a breve distanza l’uno dall’altro, scoperti alle prime ore del giorno. E non è tutto. Perché solo due notti addietro – era il 12 aprile – altri due episodi, sempre ai danni di esercizi pubblici, si erano già verificati in zona Partigiani.   

Qualcuno, insomma, sta facendo giri piuttosto ampi dei quartieri del capoluogo, durante la notte, in cerca di soldi degli incassi rimasti nei cassetti dei registratori. E, come sempre accade in questi casi, il più delle volte sono maggiori i danni provocati agli infissi divelti, rispetto al reale bottino intascato dai malviventi. Variabile in un range di poche centinaia di euro (il più delle volte) fino a un migliaio e rotti nella migliore delle ipotesi.

I casi di questa notte

Restando alle ultime ore, un episodio ha riguardato il bar Santa Rosa di via Brenta, quindi proprio di fronte al tribunale civile. Qui, una volante di polizia è intervenuta intorno alle 6, su richiesta del proprietario, dopo che questi si è accorto della porta d’ingresso forzata e della sparizione di un centinaio di euro dal registratore di cassa. Sul posto anche la scientifica per i rilievi e per acquisire i filmati del sistema di videosorveglianza

Poco dopo, però, le volanti e la scientifica si sono dovuti dirigere a breve distanza, per un secondo furto (in questo caso solo tentato), ai danni del bar CiVoleva di via Giammatteo, proprio di fronte al parco “Montefusco”. E, come se non bastasse, un terzo colpo si è verificato ai danni del bar New Piccadilly di viale Michele De Pietro, praticamente a due passi dal tribunale penale. Anche in questo caso, effrazione e furto di circa 100 euro dal registratore di cassa.

Ad accorgersene, intorno alle 4 del mattino, è stato lo stesso proprietario. Il sistema di videosorveglianza è collegato al suo cellulare. Così, ha contattato la polizia. Ad agire, stando ai fotogrammi, due uomini con felpa dotata di cappuccio e mascherina anti-Covid, ormai sempre più in voga anche per i crimini. È stata forzata la porta laterale che dà su via Argento. Quasi certamente in tutti e tre i casi è stata opera degli stessi soggetti.

I furti del 12 aprile

Non è improbabile che i due individui siano stati gli autori anche di altri colpi, che risalgono alle prime ore del 12 aprile. Furti perpetrati, nell’occasione, ai danni di bar che sorgono anche in questo caso a poche centinaia di metri l’uno dall’altro, ma in una zona diversa di Lecce, quella fra Settelacquare e piazza dei Partigiani.

Uno dei furti è avvenuto in via Pitagora, intorno alle 4 del mattino, ai danni del Pitagora Cafè, un chiosco che si trova ai margini del parcheggio dei pullman di largo Vittime del Terrorismo, non lontano, dunque, dal mercato rionale di Settelacquare. Qui, ad agire sono stati due uomini con casco in testa, che hanno forzato la porta a vetri d’ingresso e sottratto 200 euro dal registratore di cassa. La polizia ha acquisito i filmati di videosorveglianza.

Il secondo episodio, con modalità identiche, si è verificato al Caffè Vivaldi, all’angolo fra piazza dei Partigiani e via Papatodero. La polizia ha effettuato un sopralluogo con la scientifica poco dopo le 6 del mattino. In questo caso, il bottino ammonta a 1.300 euro.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Razzie dei ladri: cinque bar colpiti fra Santa Rosa e zona Partigiani

LeccePrima è in caricamento