Cronaca Piazza Mazzini Giuseppe

Fiamme divampano sul tetto del negozio davanti a centinaia di persone

Vigili del fuoco con due mezzi e autoscala e tre volanti di polizia in piazza Mazzini nella tarda serata di ieri. La situazione sembrava inizialmente molto più seria. In realtà erano andate in fiamme solo alcune piante

Foto e gallery: Luca Capoccia.

LECCE – Fiamme vive, di un rosso acceso, e fumo, sullo sfondo del cielo notturno. Alla fine tutto s’è ridotto a ben poco, nel senso che al di là di un’imponente scenografia, sono andate a fuoco soltanto un po’ di foglie secche e un paio di piante collocate dentro vasi.

Ma tanto è bastato perché partissero decine e decine di telefonate. Anche perché nei primi istanti non si aveva certo contezza di quale potesse essere la reale situazione sul tetto di quel palazzo, quasi di fronte a piazza Mazzini, quindi l’estensione reale del rogo e il rischio che l’incendio potesse estendersi. E’ così scattata una macchina imponente: vigili del fuoco con l’autoscala, un’autopompa e una vettura. E tre volanti di polizia del quarto turno a chiudere tutti gli accessi.

Tutto questo, davanti agli occhi incuriositi di centinaia di persone. E non si fa per dire. Ieri era in svolgimento la manifestazione “Pizza Village”, ragion per cui piazza Mazzini brulicava di cittadini e turisti fra gli stand e davanti al palco. All’improvviso, il fuoriprogramma, andato in onda intorno alle 23. Tante le telefonate alla sala operativa dei vigili del fuoco e a quella della questura. L’incendio si stava sviluppando sul tetto dell’edificio commerciale che attualmente ospita il negozio d’abbigliamento “Alcott”.

La polizia ha chiuso il passaggio alle auto in via Nazario Sauro, all’angolo con viale Imperatore Adriano, per consentire ai pompieri di muoversi agevolmente con l’autoscala, e tenuto a bada la folla accalcatasi all’angolo di via Trinchese, luogo peraltro di passaggio continuo di pedoni. Una volta sul tetto, i vigili hanno scoperto cosa realmente accaduto. La ricostruzione è stata svolta anche alla presenza del responsabile dell’attività, identificato dagli agenti.

Semplicemente, dopo aver bruciato alcune foglie secche e aver gettato acqua, deve essere rimasta della cenere ancora calda. La fiamma s’è così sviluppata di nuovo e il fuoco ha avvolto alcune piante. L’allarme è rientrato in modo definitivo dopo un’ispezione dei vigili con la polizia sulla sommità della palazzina.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiamme divampano sul tetto del negozio davanti a centinaia di persone

LeccePrima è in caricamento