Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Leuca / Via Nacci Mario

Orrore in città: un taglio alla gola e fiamme, grave una donna straniera

Un tentativo di suicidio, stando a quanto ricostruito. E' successo in via Nacci. Lei, dello Sri Lanka, ricoverata a Bari

LECCE – “Che cosa hai fatto?”, pare abbia urlato il marito rientrando in casa. E poi, una serie di altre frasi in lingua straniera, sempre ad alta voce, in tono terrificato. Alcuni vicini hanno le hanno udite bene e si sono spaventati, tanto più che si stava diffondendo anche un forte odore di bruciato.

Un profondo taglio alla gola e almeno il 70 per cento del corpo ustionato. Così è stata trovata, ancora viva, ma in condizioni molto gravi, una giovane donna dello Sri Lanka.

Il dramma s’è consumato in un appartamento al primo piano, all’interno di una palazzina di via Mario Nacci, dove la donna risiede con il marito e due figli. Un tentativo di suicidio, secondo quanto accertato. La polizia sta comunque svolgendo in queste ore tutti gli approfondimenti del caso, ascoltando anche diversi vicini e persone che conoscono la coppia.

La donna è stata trasportata al “Vito Fazzi” ed è rimasta in Rianimazione. Salvata per il rotto della cuffia, dunque, ma non certo fuori pericolo. E con un importante imprevisto di mezzo.

I sanitari, infatti, hanno cercato un posto letto sia nel centro grandi ustionati del "Perrino" di Brindisi, sia nel Policlinico di Bari, ma nel primo caso i posti letto sono limitati per via di una ristrutturazione, nel secondo manca la disponibilità. Solo nel mattino successivo, dopo una serie di telefonate, i sanitari leccesi sono riusciti a trovare posto a Pisa. La paziente sarà trasferita con l'eliambulanza nelle prossime ore. 

La scoperta è avvenuta intorno alle 13. Il marito, che lavora presso un’attività commerciale, stava rincasando. L’odore acre di fumo aveva già invaso la stretta traversa di via Leuca. L’uomo, allarmato, poiché la consorte non stava rispondendo, avrebbe a quel punto fatto irruzione seguito anche da una vicina. Da lì, la terribile scoperta.

La donna era sul letto, avvolta ancora dalle fiamme, che probabilmente sono state spente anche con ciò che è stato possibile rimediare sul momento, fra cui alcuni indumenti, poi portati all'esterno dalla polizia, perché la fiamma si stava ravvivando sui tessuti sintetici a distanza di molti minuti dal primo intervento e con la vittima già ricoverata.

Oltre alle volanti della questura, sul posto sono arrivati anche vigili del fuoco, e sanitari del 118. La donna, dopo le prime cure nella stessa stanza da letto, è stata trasportata nell’ambulanza e da qui condotta in ospedale. 

Sgomento nella via. L’intero vicinato e i residenti delle strade vicine, si sono riversati in zona. Molti anche coloro che si sono affacciati ai balconi vedendo arrivare un imponente dispiegamento di mezzi a sirene accese. Gli agenti hanno ascoltato diversi presenti, prendendo nota di tutti i particolari che hanno udito e visto e su quanto noto circa la vita privata della famiglia, per ricostruire la dinamica in ogni dettaglio. Un lavoro complesso che è in corso e che si avvarrà anche dei riscontri della scientifica, chiamata a svolgere rilievi nell’abitazione. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orrore in città: un taglio alla gola e fiamme, grave una donna straniera

LeccePrima è in caricamento