Domenica, 25 Luglio 2021
Cronaca

LeccePrima compie un anno. Grazie al vostro consenso

Un anno fa veniva alla luce questo nostro piccolo contributo via web all'informazione locale. Dai primi, timidi passi, alle 7mila visite giornaliere medie, con punte di 10mila. E questo, grazie a voi


di Emilio Faivre e Vincenzo De Filippi

Eccoci qui. Un anno dopo. Fra l'8 ed il 9 febbraio del 2007 veniva alla luce LeccePrima. Se ci guardiamo alle spalle quasi stentiamo a crederci. Abbiamo fatto tanti di quei passi in avanti che a volte, rintanati nella nostra minuscola redazione, ci guardiamo negli occhi e, con un brivido sulla schiena, proviamo un piccolo senso di vertigine. E' stata un'escalation continua. A volte ripercorriamo con la mente quei primi giorni, quando timidi e un po' incerti, eravamo sostenuti da un manipolo di affezionati amici: qualcuno aveva già capito l'importanza di questo progetto, altri ci guardavano con un po' di diffidenza. Il web, questo sconosciuto. Quando, qualche tempo dopo, toccammo quota mille accessi, esultammo come se avessimo scalato l'Everest; ma poi qualcuno, con prudente lungimiranza, ci avvisò: "Non state ancora a niente".

E intanto, forti del nostro entusiasmo e sulle ali del passaparola, nei mesi vedevamo la famiglia di lettori allargarsi a macchia d'olio. Duemila, tremila, quattromila accessi. Oggi ne contiamo mediamente 7mila. Con punte di 9-10mila quando notizie di portata nazionale ci conducono nei computer di visitatori non salentini. Potenza della Rete applicata ad un modo più moderno di fare informazione, per un successo, in questi nostri primi 365 giorni, al di là delle nostre più rosee aspettative. Anche se restiamo con i piedi per terra. Siamo ancora piccolini, ci stiamo solo facendo le ossa. L'avventura continua, insomma. Anche perché siamo convinti che LeccePrima celi nel suo Dna la grande forza di una comunicazione che cambia stile e si modella sulle esigenze di un pubblico senza più confini, realizzata con un progetto che si fonda solo sulla forza di volontà e sul duro lavoro, in totale economia. Niente spese folli. Una struttura ben fatta, un Cms, tre computer in rete e via. Da una stanzetta raccontiamo la cronaca locale, anche quella di più ampio respiro, in ogni angolo di mondo, ovunque vi sia un salentino. E sono tanti quelli che ci leggono da fuori: Roma, Milano, Bologna, Svizzera, Germania, Inghilterra, Stati Uniti, Lussemburgo, Francia?

Tanto è stato fatto, grazie anche ai ragazzi della Protem di Lecce, ai quali portiamo via la testa un giorno sì e l'altro pure (vero, Fernando? ;-), e senza i quali tutto questo non sarebbe stato possibile. Sono loro che hanno studiato la struttura, sulla base di un nostro progetto, regalandoci questo gioiellino. Che si è animato ultimamente di qualche novità. Innanzitutto, abbiamo reso un po' più tortuosa la via per copiare i testi. Ci dispiace per Voi lettori, che magari avete bisogno per i motivi più svariati di qualche articolo, senza necessariamente stamparlo: Vi invitiamo a contattarci in qualsiasi momento per una copia (qualora non riusciste a raggirare l'ostacolo... i modi ci sarebbero, ma non ve li diciamo :-).

Ma questo è stato necessario per evitare lo spiacevole inconveniente che si è venuto a creare negli ultimi tempi. Pochi "furbi", che non fanno onore alla maggior parte dei colleghi, con molti dei quali vige un profondo senso di rispetto che sconfina in tanti casi nell'amicizia personale, credendo forse che LeccePrima fosse una specie di pozzo senza fondo dal quale attingere senza criterio, hanno iniziato a copiare letteralmente buona parte dei testi, dietro a molti dei quali c'è spesso un lavoro delicatissimo e difficile, di responsabilità. Alla stessa maniera, abbiamo posto un loghino sulle foto scattate con le nostre macchinette (non su quelle passate dai lettori o dalle istituzioni, ovviamente) perché lo stesso fenomeno si stava ripetendo con le immagini. Speriamo che tutto ciò possa essere un deterrente. Ricopiare i testi "a mano" è senz'altro più faticoso che usare la funzione "magica" del copia-incolla selvaggio.

Chiusa questa doverosa parentesi, che dire ancora? Beh, ci piace ringraziare i ragazzi che da qui sono passati per collaborare. Chi è rimasto, ma anche chi, per diversi motivi, come accade in tutte le famiglie del mondo, ha preso altre strade: sono le persone che fanno la storia. Avremmo per la verità ancora tantissime altre cosa da dire, ma rischiamo di diventare noiosi. Insomma, basta così, fatecelo dire da soli: buon compleanno, LeccePrima!
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

LeccePrima compie un anno. Grazie al vostro consenso

LeccePrima è in caricamento