rotate-mobile
Cronaca

Vincitori e idonei del concorso per pulitori: nuova sollecitazione alle assunzioni dal sindacato

Settimane di proteste, confronti, lettere e tavoli Sepac, ma ancora nulla. Cobas Lecce torna con parole di amarezza sulle sorti degli aspiranti lavoratori e lavoratrici

LECCE – Se da un lato nella Asl di Lecce ci sono contratti a temine arrivati alla scadenza naturale per gli “ex oss declassati a pulitori”, dall’altro lato non trova pace la vicenda che ha coinvolto centinaia di padri e madri di famiglia, giovani e anche in età avanzata, che hanno partecipato al concorso per 159 pulitori/ausiliari di Sanità Service. Questa la premessa che apre la lettera inviata da Cobas ai vertici della sanità salentina e pugliese, dopo una serie di manifestazioni, sit-in e altre missive sullo stesso argomento: la rivendicazione del posto di lavoro ottenuto tramite concorso, ma mai concretizzatosi. I vincitori e gli idonei del concorso hanno infatti intrapreso da tempo una battaglia sindacale e si sono confrontati con la prefettura di Lecce, Regione Puglia, Asl di Lecce, Sanità Service e coi partecipanti ai Tavoli Sepac.  

“Una graduatoria di 1700 persone idonee e titolate a svolgere le mansioni di pulitori e ausiliari che hanno superato un concorso pubblico ed una selezione per titoli.  Soltanto le prime 49 unità hanno firmato il contatto e non è stata data attuazione neanche alla determina datata 11 aprile che avrebbe dovuto prevedere l’assunzione di ulteriori 60 persone a partire dal primo luglio, che hanno visto leso il proprio diritto all’assunzione giorno dopo giorno; che hanno visto altre figure professionali rivendicare il loro posto di lavoro con proroghe di contratti a tempo determinato”, rimarca il segretario provinciale dell’organizzazione sindacale Giuseppe Mancarella.

“Seppur è vero che vi è una nota indagine giudiziaria che ha visto nominare il medesimo concorso, di fatto non ci sono al momento indagati tra gli idonei in graduatoria e non è assolutamente corretto che chi ha superato un concorso con le sue uniche forze, investendo del proprio tempo, debba essere così gravemente prevaricato”.


“Stranamente ci sono ben sette sindacati a tutelare gli ex oss declassati a pulitori e assunti con una manifestazione di interesse per soli 36 unità in Sanità Service con contratto a tempo determinato scaduto e vedono partecipe a pieno titolo il favore della stampa. Dalle 36 unità iniziali sembra siano arrivati a quasi 100 unità assunte con contratto a tempo determinato di 5 mesi prorogabili ad ulteriori 5 mesi.  Inspiegabilmente la stessa opportunità di lavoro in Sanitàservice non è stata offerta agli OSS idonei della graduatoria del Riuniti di Foggia che avevano prestato servizio in Asl di Lecce e che sono stati mandati a casa da ottobre 2021 ad aprile 2022.   Sono gli stessi sindacati che sono rimasti in silenzio quando in Asl di Lecce non venivano rinnovati i circa 110 contratti di quattro mesi prorogati ad ulteriori quattro mesi agli oss idonei del concorso del Riuniti di Foggia”, concludono da Cobas nella nota.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vincitori e idonei del concorso per pulitori: nuova sollecitazione alle assunzioni dal sindacato

LeccePrima è in caricamento