Lotta al bracconaggio, cinque denunce e sequestrati 33 richiami acustici

Avvio positivo per la campagna antibracconaggio dal parte del corpo forestale dello Stato nella provincia di Lecce

LECCE – Avvio positivo per la campagna antibracconaggio dal parte del corpo forestale nella provincia di Lecce. Dall’inizio della stagione venatoria, numerosi sono stati gli interventi che hanno condotto a risultati di rilievo, mirati sia al contrasto dell’utilizzo di richiami acustici a funzionamento elettromagnetico che dell’attività venatoria rivolta a specie non cacciabili. Sequestrati 33 richiami acustici artificiali per avifauna e cinque fucili durante una serie di controlli notturni e diurni effettuati in diversi comuni salentini.

In particolare, gli agenti del comando stazione forestale di Tricase hanno sequestrato venti richiami acustici che riproducevano il verso della quaglia nei comuni di Santa Cesarea Terme, Montesano Salentino, Ruffano, Acquarica del Capo, Ugento, Salve, Patù e Presicce, Tricase, Corsano, Alessano, Castrignano del Capo e Gagliano del Capo. I congegni sono stati rinvenuti in secchi di plastica occultati in cespugli, tra i muretti a secco o in botole cementate nella roccia o interrate. È di otto, invece, il totale dei richiami acustici a funzionamento elettromagnetico sequestrati dai colleghi di Lecce durante i servizi notturni mirati al contrasto dell’utilizzo di tali richiami. La scoperta è avvenuta in diverse campagne dei comuni di Lecce, Caprarica, Sternatia, Copertino e San Donato di Lecce.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Gli agenti del Nipaf di Lecce e della forestale di Gallipoli hanno, invece, sorpreso e denunciato in località “Ianni” a Seclì e “Fondo Perella” ad Aradeo un uomo di Seclì di 62 anni e un 67enne di Aradeo per abbattimento di specie di avifauna non cacciabili ed il primo anche per esercizio venatorio con richiamo acustico elettromagnetico. Sequestrata l’avifauna abbattuta, due fucili da caccia, le cartucce e un richiamo elettromagnetico. I forestali di Gallipoli, in località “Nucci” in agro di Nardò hanno sorpreso e denunciato due uomini di 27 e 75 anni, tutti neretini, intenti a cacciare avifauna migratoria utilizzando illecitamente richiamo acustico a funzionamento elettronico provvisto di telecomando. Sequestrati i tre fucili da caccia utilizzati con le relative cartucce e il richiamo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L’incredulità a Casarano: "Insospettabile, potrebbe allora accadere a chiunque”

  • Prima svolta, preso il presunto killer di Eleonora e Daniele

  • Nel biglietto insanguinato mappa e annotazioni su come agire

  • Preso presunto assassino: fascette per torturare le vittime e un piano folle per l’omicidio

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Duplice omicidio, il 21enne non nega: “Da quanto mi stavate pedinando?”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento