Moglie malata segregata in casa tra i rifiuti, anziano patteggia due anni

Un 85enne era stato accusato di maltrattamenti in famiglia e abbandono d'incapace. L'anziana consorte fu trovata denutrita e fra i suoi escrementi dai carabinieri della stazione di Veglie. Non avrebbe fatto entrare nell'abitazione nemmeno il medico curante e gli altri familiari

LECCE – Ha patteggiato due anni, con pena sospesa, R.D.M, 85enne, di Veglie, davanti al gup Alcide Maritati. L’uomo era stato accusato di maltrattamenti in famiglia e abbandono d’incapace. Avrebbe costretto la moglie, 86enne, a vivere segregata in casa e malnutrita. Fu ritrovata dai carabinieri con piaghe da decubito e fra i suoi stessi escrementi il 21 dicembre del 2013.

Il rinvio a giudizio era stato chiesto dal sostituto procuratore Massimiliano Carducci, titolare del fascicolo. Ieri in udienza era presente il pm Stefania Mininni. Stando alle accuse formulate e alle prove raccolte, l’anziano, avrebbe letteralmente rinchiuso la moglie nell’abitazione alla periferia della cittadina, riducendola in uno stato d'isolamento totale dal resto del mondo.  

Con l’esterno la donna, incapace di provvedere a se stessa e afflitta da problemi di salute, non avrebbe nemmeno potuto avere rapporti telefonici. L’85enne le avrebbe impedito persino di farla visitare a domicilio dal medico curante, affinché le somministrasse il vaccino antinfluenzale.

Nemmeno gli altri familiari, e fra questi la figlia 37enne, sarebbero stati in grado di oltrepassare la soglia di casa. E quanto è stato trovato all’interno della casa, una volta che vi hanno fatto irruzione i militari della stazione locale, è difficile da descrivere: rifiuti ovunque e degrado, al punto tale da rappresentare un costante pericolo per l’incolumità dell’anziana.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nella vicenda a carico dell’uomo parti offese sono sia la moglie, rappresentata da un curatore speciale, l’avvocato Maria Pia Scarciglia, sia la figlia, rappresentata dall’avvocato Massimo Zecca. L’anziano era difeso dall’avvocato Giovanni Gabellone.           

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

  • Negli sportelli dell'auto, cocaina per due milioni, arrestato un 43enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento