Cronaca

Morto il professor Lorenzo Vasanelli, per 30 anni all'Università del Salento

Ordinario di fisica sperimentale, era andato in pensione nel 2017 dopo aver ricoperto numerosi incarichi ed esercitato deleghe per conto dei rettori Rizzo e Laforgia

Lorenzo Vasanelli
LECCE – La comunità accademica piange la scomparsa del professor Lorenzo Vasanelli, ordinario di fisica sperimentale della materia all'Università del Salento, dove ha insegnato per 30 anni fino al 2017, quando è andato in pensione.

La sua attività didattica si è svolta prevalentemente nell'allora Facoltà di Scienze, dove ha tenuto numerosi insegnamenti nel corso di laurea in Fisica. Dal 2007 si è trasferito presso la Facoltà di Ingegneria insegnando al polo di Brindisi della stessa Università. Presso l’Università del Salento, ha ricoperto numerosi incarichi: direttore del Dipartimento di Scienza dei Materiali (1991-1993), delegato del rettore Angelo Rizzo per le attività di ricerca (1996 – 2001), direttore del Dipartimento di Ingegneria dell'Innovazione (2001 – 2008).

Dal novembre del 2007 è stato delegato per la Ricerca del rettore Domenico Laforgia. Nel novembre del 2008 è diventato membro del Consiglio di Amministrazione. Dal 1993 al 2002 è stato direttore presso l”Istituto per lo studio di nuovi Materiali per l’Elettronica” del Consiglio Nazionale delle Ricerche. con sede a Lecce. Nel 1989 ha partecipato al gruppo di progetto per lo studio di fattibilità ed il piano operativo del Centro Nazionale per la Ricerca e lo Sviluppo dei Materiali (CNRSM) di Brindisi ed è stato responsabile delle attività di formazione e successivamente, sino al 1996,  coordinatore delle attività di avvio.

Come responsabile del progetto dell’Università del Salento “SINTeSIS – Sostegno all’Innovazione ed alle Nuove Tecnologie per lo Sviluppo dell’area Ionico Salentina” finanziato dal ministero delle attività Produttive, ha lavorato alla promozione e sostegno di imprese spin off dell’Università del Salento.

L’attività di ricerca del professor Vasanelli si è sviluppata essenzialmente nel campo della fisica dei materiali semiconduttori e dei dispositivi a semiconduttore. Negli ultimi anni, anche in collaborazione con colleghi di diversa estrazione culturale, si è occupato di problematiche legate allo sviluppo sostenibile, con particolare attenzione alle tecnologie energetiche ed a quelle fotovoltaiche. La produzione scientifica, nel corso degli anni, ha dato luogo a circa 150 pubblicazioni su riviste scientifiche specialistiche internazionali, oltre a numerosi comunicazioni in congressi nazionali ed internazionali ed una intensa attività divulgativa sul territorio sui temi della innovazione e delle energie da fonti rinnovabili.

"Il professor Vasanelli lascia alla nostra comunità un'eredità importante non solo a livello scientifico ma anche umano - ha commentato il rettore dell'Università del Salento, Vincenzo Zara -. A lui, alla sua tenacia, dobbiamo la fondazione e la crescita del polo universitario di Ingegneria dell'Università del Salento nella sede di Brindisi. Grazie alla sua dedizione è stato possibile incentivare la ricerca e lo studio dell'Ingegneria aerospaziale, un’area disciplinare che tanto lo appassionava. Autorevole e amatissimo dai suoi studenti, lo ricorderemo per la sua capacità di ascolto e per il suo essere sempre pronto al dialogo e al confronto. Oltre che per il suo impegno nell'ambito della Terza Missione con cui ha contribuito allo sviluppo sociale, culturale ed economico del nostro territorio".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Morto il professor Lorenzo Vasanelli, per 30 anni all'Università del Salento

LeccePrima è in caricamento