Delitto di Maglie, via alla consulenza sulle lesioni riportate dall’omicida reo confesso

Sono iniziati oggi gli accertamenti sulle ferite riscontrate sul corpo di Simone Paiano, per stabilire se è vera l’aggressione a colpi di machete subita prima di aprire il fuoco contro la vittima

MAGLIE - Le ferite sul corpo di Simone Paiano, 25 anni di Maglie, e del fratello, sono state provocate da un’arma da taglio? E’ questa la domanda fondamentale alla quale dovrà rispondere il medico legale Ermenegildo Colosimo, incaricato in mattinata dal pubblico ministero Maria Consolata Moschettini di svolgere gli accertamenti utili a chiarire se è vero che Paiano sia stato aggredito a colpi di machete dal 28enne Mattia Capocelli prima di sparargli contro e ucciderlo.

Non solo. Tra i quesiti posti dal magistrato (titolare delle indagini, insieme al procuratore aggiunto Guglielmo Cataldi) c’è anche quello che riguarda il giubbino indossato dall’omicida reo confesso la notte del delitto, avvenuto il 24 aprile in via don Luigi Sturzo a Maglie: i tagli trovati sull’indumento corrispondono alle lesioni sul corpo? La consulenza, entro trenta giorni, dovrà stabilire anche l’entità delle ferite, i tempi della loro guarigione e, se possibile, quelli d’origine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Agli accertamenti prenderanno parte anche i professionisti nominati oggi durante l’udienza dalle parti: Chiara Candelli (per conto di Paiano, difeso dall’avvocato Dimitry Conte) e Roberto Vaglio (per la famiglia di Capocelli, assistita dagli avvocati Arcangelo, Luigi e Alberto Corvaglia).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19, aumentano i tamponi. Sono 611 i nuovi positivi e quindici i contagi nel Leccese

  • Dpcm, la protesta nasce pacifica in centro. Ma poi partono gli scontri

  • Virus, stabile l’andamento del contagio. Picco di 43 casi nel Salento

  • Il tir si ribalta col carico di frutta: ferito conducente, positivo all’alcol test

  • Il virus avanza in Puglia, Lopalco: “Si delinea uno scenario preoccupante”

  • Impatto micidiale, sette coinvolti: ragazza in codice rosso per dinamica

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento