Cronaca

Tragico schianto su un albero, conducente condannato a due anni

Giovanni Dell'Anna era accusato di omicidio colposo per aver provocato la morte di Amleto Tarantini, 27 anni, in un terribile incidente stradale avvenuto nel tardo pomeriggio del 15 aprile scorso sulla Surbo-Torre Rinalda

Foto LeccePrima, tutti i diritti riservati.

SURBO - Due anni di reclusione, pena sospesa, per Giovanni Dell'Anna, accusato di omicidio colposo per aver provocato la morte di Amleto Tarantini, 27 anni, in un terribile incidente stradale avvenuto nel tardo pomeriggio del 15 aprile scorso sulla Surbo-Torre Rinalda, che collega la città a nord di Lecce con la marina della costa adriatica. Nei confronti dell'imputato il gup Alcide Maritati, che ha emesso la sentenza al termine del giudizio abbreviato, ha riconosciuto anche le aggravanti della guida in stato d'ebbrezza e sotto l'effetto di sostanze stupefacenti.

 
Tre giovani, tutti di Surbo, viaggiavano a bordo di un'Alfa 156 ed avevano da poco imboccato la via per il mare quando, all'improvviso, il conducente perse il controllo dell'auto finendo fuori strada. L'Alfa, complice il dislivello tra il manto stradale e i terreni contigui, finì ad alta velocità contro un albero di ulivo, tranciando di netto un grosso ramo prima di terminare, ribaltata, la sua corsa impazzita in un campo ai margini della carreggiata. Sul posto intervennero i carabinieri e gli agenti di polizia municipale di Surbo che eseguirono tutti i rilievi del caso.
 
A perdere la vita durante il trasporto verso l'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, fu come detto Amleto Tarantini, che sedeva accanto al guidatore. Feriti anche il conducente e il terzo passeggero, che sedeva dietro. Il gup ha ordinato l'immediata scarcerazione dell'imputato, che si trovava agli arresti domiciliari dall'aprile scorso. Dell'Anna era difeso dall'avvocato Christian Quarta.
 
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tragico schianto su un albero, conducente condannato a due anni

LeccePrima è in caricamento