Omicidio Regoli: condanna a 15 anni in secondo grado per Cosimo Mele

I giudici della Corte d'appello hanno confermato il verdetto dell'abbreviato, escludendo dunque le circostanze aggravanti

LECCE – Confermata in appello la condanna a quindici anni per Cosimo Mele, il 37enne accusato dell’omicidio di Ivan Giorgio Regoli, il 30enne di Matino scomparso il 12 settembre del 2011 Mele, assistito dall’avvocato Gabriella Mastrolia era stato giudicato con il rito abbreviato. Il gup aveva escluso le aggravanti e concesso all’imputato le attenuanti. Un atesi che ha retto anche in secondo grado. Il 37enne è accusato di omicidio volontario e occultamento di cadavere.

Nei confronti di Mele era stata eseguita, a marzo 2015, un’ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del gip del Tribunale di Lecce Giovanni Gallo, su richiesta del procuratore aggiunto Antonio De Donno. Mele era stato arrestato dai carabinieri del Nucleo operativo di Casarano nella città abruzzese, dove da alcuni anni vive e svolge la professione di intonacatore. L’arresto era giunto a distanza di tre settimane dalla confessione dell’assassino.

Lo scorso 21 febbraio, schiacciato dal senso di colpa e dalla paura, Mele aveva deciso di raccontare la verità sulla morte del suo amico, spiegando di aver ucciso Regoli nello scantinato di un rudere, in prossimità del pozzo dove sono stati ritrovati i suoi resti e dove gli aveva dato appuntamento. Il 36enne si era recato con Regoli in quel fondo, dove era scoppiata una lite. Al gip del tribunale abruzzese aveva poi ripetuto quanto già raccontato agli inquirenti titolari del procedimento.

Cosimo Mele-4Cosimo Mele era esasperato delle continue, a suo dire, richieste di denaro della vittima, accusato di una lunga serie di atti dolosi compiuti ai suoi danni. In particolare, lo accusava di aver compiuto danneggiamenti e furti nel fondo della madre. L’incontro tra i due si sarebbe presto trasformato in lite e colluttazione. Mele avrebbe afferrato un tubo metallico (del tipo usato per le impalcature edili) e colpito più volte la vittima alla testa.

Già prima della confessione dell’uomo i carabinieri del Reparto operativo, guidato dal colonnello Saverio Lombardi, avevano raccolto una lunga serie di indizi a suo carico. La prima vera svolta nelle indagini era avvenuta il primo agosto del 2014, con il ritrovamento dei resti di Regoli in un pozzo in contrada Sant’Anastasia a Matino.

Dal momento del ritrovamento del corpo il 37enne era crollato psicologicamente, temendo di essere catturato o di essere vittima di possibili ritorsioni. Più volte, senza sapere di essere registrato dalle “cimici” piazzate dagli investigatori, aveva fornito elementi utili ad accertare la sua colpa. Sempre nelle intercettazioni aveva esternato l’intenzione di fuggire in Africa o America. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Travolto con il furgone, amputata parte della gamba destra del 38enne

  • La lite degenera: spunta pistola a salve, investito con violenza con l’auto

  • Favori in cambio di sesso, viagra e battute di caccia, chiesti 12 anni e mezzo per l’ex pm

  • Freddato a 22 anni con un colpo di pistola alla testa, inflitti due ergastoli

  • Ubriaca alla guida colpisce auto, poi si ribalta: illesa una 21enne

  • Da Martano originale campagna per uso della mascherina. Il sindaco: “Monito ai negazionisti”

Torna su
LeccePrima è in caricamento