Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Operaio denuncia: "Affiancato dai malviventi in moto e rapinato della mia auto"

La disavventura emerge dal racconto fatto ai carabinieri da un uomo di Trepuzzi. Nella notte sarebbe stato affiancato da due banditi armati di pistola e costretto a recarsi verso Casalabate. Qui, gli avrebbero preso la Focus

TREPUZZI – Affiancato da malviventi in moto e costretto a cedere la sua auto, una Ford Focus vecchio modello, sotto minaccia di una pistola. La disavventura emerge dal racconto di un operaio di Trepuzzi, che ha sporto denuncia nella notte presso la stazione locale dei carabinieri. Stando alla sua versione dei fatti, l’uomo, intorno alle 20 di ieri sera, mentre ritornava a casa dopo alcune commissioni, sarebbe stato affiancato, in una via periferica del paese, da due malintenzionati, di cui uno armato.

I due, a quanto pare, viaggiavano a bordo di una moto di grossa cilindrata, una Yamaha di colore verde, senza casco, ma, comunque, con passamontagna per coprire i volti.

Il bandito armato, in dialetto stretto, gli avrebbe intimato di passare al posto del passeggero e si sarebbe messo alla guida, tenendo la pistola stretta tra le gambe. Subito dietro si sarebbe messo il complice, sempre in sella alla moto.

Sempre stando al racconto dell’operaio, arrivati presso sulla strada che conduce verso la marina di Casalabate, il malvivente armato gli avrebbe comandato di scendere e di non avvisare nessuno. Così, i due si sarebbero dileguati con l’auto - valore prossimo ai mille euro - con a bordo anche il telefonino.

Rientrato a piedi a casa, impiegando un paio d’ore, l’uomo ha poi chiamato la centrale operativa dei carabinieri. Indagini in corso da parte dei militari di Trepuzzi e del Nucleo operativo e radiomobile di Campi Salentina. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Operaio denuncia: "Affiancato dai malviventi in moto e rapinato della mia auto"

LeccePrima è in caricamento