Operato per un tumore, muore dopo tre mesi di calvario: indagati 5 medici

Chiusa l’inchiesta sulla morte di un 61enne leccese, avviata dopo la denuncia dei familiari: “Commessi gravi errori durante l’intervento”. Sott’accusa, professionisti del “Vito Fazzi”

LECCE - Operato per un tumore allo stomaco Piero Quarta, 61enne leccese, non si sarebbe più ripreso. Quello sarebbe stato l’inizio di un calvario durato tre mesi e conclusosi con la sua morte, il 26 giugno del 2017. Di questa, rispondono cinque medici del “Vito Fazzi” di Lecce, ai quali nelle scorse ore è stato notificato l’avviso di chiusura delle indagini firmato dal sostituto procuratore Stefania Mininni.

L’accusa ipotizzata nei riguardi dei camici bianchi è di omicidio colposo, perché l’errore di tecnica chirurgica compiuto nel corso del primo intervento del 30 marzo 2017 e altre negligenze e imperizie nei successivi interventi (del 18 e 22 maggio) sarebbero stati alla base di una serie di complicazioni tali da non lasciare scampo al paziente, deceduto nell’ospedale Acquaviva delle Fonti, a Bari, dove fu trasferito su richiesta dei familiari. Sono stati proprio i congiunti di Quarta, la moglie e le tre figlie, a dare incarico agli avvocati Francesca Conte e Simone Potente affinché sollecitassero la magistratura a fare chiarezza su quanto accaduto. Dalla denuncia, le indagini, in cui hanno avuto peso le consulenze svolte sia da esperti incaricati dalla difesa che da quelli della procura e che avrebbero confermato profili di responsabilità da parte dei professionisti in servizio nel nosocomio leccese.

 Adesso che l’inchiesta è giunta alle battute finali, starà agli indagati dimostrare se le accuse siano infondate in un confronto col pm o producendo memorie difensive.  

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ad assisterli ci penseranno gli avvocati Michela Mazzotta, Sergio Sanità Gigante, Luigi Carrozzini, Giacinto Mastroleo, Stefano Costantini e Corrado Sammaruco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "La moneta da 1 euro non c'è più nel carrello". E lui chiama la polizia

  • Infezione da Covid-19: sono 56 i casi positivi nel Salento, 6 a Lecce

  • Nessuno stupro a Gallipoli: falso allarme, i due appartati prima del collasso

  • Cade dagli scogli in un punto impervio, ferito recuperato con l'elicottero

  • Covid, quattro casi e un decesso nel Leccese. Movida: controlli straordinari

  • Tragedia in ospedale: si lancia dal quarto piano, muore donna 73enne

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento