"Operazione Coriolano": in carcere per espiare la pena la moglie di Costa

I carabinieri della stazione di Corigliano d’Otranto hanno tratto in arresto Cosima Maria Baccaro, 51enne, originaria di Uggiano La Chiesa, ma residente nel comune griko, su mandato della Procura generale presso la Corte d’appello di Lecce. Le indagini riguardavano droga, armi ed estorsioni

CORIGLIANO D’OTRANTO – I carabinieri della stazione di Corigliano d’Otranto hanno tratto in arresto Cosima Maria Baccaro, 51enne (originaria di Uggiano La Chiesa, ma residente nel comune griko) su mandato della Procura generale presso la Corte d’appello di Lecce (ufficio esecuzioni penali). Il decreto è stato emesso il 23 gennaio ed eseguito oggi.

L’ordine di carcerazione è stato emesso in seguito alla condanna della donna. I fatti si riferiscono a vicende commesse a partire dal settembre del 2010 e riguardano l’operazione ribattezzata “Coriolano”, condotta dal Nucleo operativo e radiomobile della compagnia dei carabinieri di Maglie (all’epoca diretta dal maggiore, oggi colonnello, Andrea Azzolini).

BACCARO Cosima Maria-2La donna, che si trova nella casa circondariale di Lecce, deve espiare una pena residua di tre anni, sette mesi e diciotto giorni di reclusione. Il maggiore imputato in quell’inchiesta su traffico di droga, armi ed estorsioni era il marito, il noto pregiudicato Leonardo Costa, che, secondo gli inquirenti, anche dopo essere stato arrestato per precedenti vicenda, avrebbe impartito ordini ai suoi sodali proprio attraverso la moglie, Cosima Maria Baccaro, alla quale avrebbe consegnato i classici “pizzini” con direttive ben precise da seguire.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In vista della sua imminente scarcerazione, Costa avrebbe poi ideato una serie di estorsioni ai danni dei gestori di locali pubblici, in particolare proprio a Corigliano d’Otranto. A dare l'avvio alle indagini fu l'attentato e la successiva richiesta estorsiva ai danni di un commercialista del posto il cui studio sorge proprio in via Coriolano (da cui il nome dell'operazione), che fu distrutto da un ordigno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragica alba, podista viene travolto da un furgone: morto sul colpo

  • Ladri nell’alloggio della caserma, rubata pistola d’ordinanza con caricatore

  • Palpeggia ragazza, inseguito dal padre perde il cellulare. E viene identificato

  • Durante la rapina minaccia di morte la cassiera con l’arma: arrestato

  • Coronavirus, nel Salento registrati altri sei positivi: due da fuori regione

  • Covid, sei positivi in provincia di Lecce. Rollo: “Presenti in via temporanea”

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento