Fiamme nel negozio di un fruttivendolo. Ma durante sopralluogo spuntano due ordigni

L'inquietante scoperta è avvenuta all'alba, a Torre San Giovanni, la marina di Ugento. I pompieri hanno domato un rogo, scoppiato all'esterno del prefabbricato, per poi scoprire la presenza della bombe piazzate da qualcuno. Indagini nelle mani dei carabinieri di Casarano

Foto di repertorio

TORRE SAN GIOVANNI – Intorno alle 5,30 è stata avvistata una densa colonna di fumo, provenire da un locale nell'ultimo tratto di Corso Annibale, a Torre San Giovanni, la marina di Ugento, poco distante dal bacino e dal faro della località ionica. Un incendio, infatti, è partito da alcune cassette in legno, accatastate all’esterno del negozio “Fruttissima”, allestito all'interno di un prefabbricato, e specializzato nella vendita di prodotti della terra.

I vigili del fuoco del distaccamento di Ugento sono intervenuti, su segnalazione di alcuni passanti, i quali si sono rivolti al numero 115. Terminate le operazioni di spegnimento delle fiamme, sono cominciati i sopralluoghi, per chiarire che cosa potesse essere accaduto. La scoperta choccante è avvenuta in quelle fasi di ricostruzione della dinamica. Sul posto, infatti, sono stati rinvenuti ben due ordigni rudimentali.

Sul luogo sono stati fatti intervenite, immediatamente, i carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Casarano, guidato dal tenente Roberto Gaetano Mitola. Gli investigatori hanno eseguito una serie di indagini all’interno e all’esterno della rivendita di frutta, che ha subito danni soprattutto alle pareti, quasi interamente in legno, e agli infissi metallici,  per raccogliere quanti più elementi utili alle ricerche dei responsabili.

Oltre ad aver ascoltato il titolare dell’attività, il quale ha dichiarato di non aver mai ricevuto minacce, i militari dell’Arma stanno valutando l’eventuale presenza di videocamere installate in zona, magari all’esterno di altri esercizi commerciali, per risalire all’identikit dei malviventi. Le due bombe, intanto, sono state poste sotto sequestro dai carabinieri, scongiurando conseguenze più gravi qualora gli ordigni fossero esplosi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Duplice omicidio: muoiono un uomo e una donna, ricercato l’autore

  • Muore sotto la doccia, la tragica scoperta dei genitori al rientro a casa

  • Duplice omicidio: autopsia sui corpi delle vittime, perquisizioni nelle case

  • Impeto e rabbia, dinamica di un duplice omicidio su cui s'interroga una città

  • Duplice omicidio: assassino ripreso per dei secondi, ha ucciso con pugnale da sub

  • Per Emiliano la riconferma alla guida della Regione: ampio vantaggio su Fitto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
LeccePrima è in caricamento