Lunedì, 20 Settembre 2021
Cronaca Gallipoli

Palazzine Iacp, finalmente farà caldo anche in inverno

Avviati i lavori per la realizzazione degli impianti di riscaldamento per le prime 24 famiglie di via Savona. Subito dopo toccherà ad altri 80 alloggi in via Cagliari

Parlare di impianti termici e di caldaie in queste afose giornate di luglio sembra quasi un paradosso masochista. Ma di tutto questo "calore" sicuramente saranno liete le oltre cento famiglie che risiedono nella zona del Peep2 di Gallipoli, ovvero nei complessi della 167 a ridosso di viale Europa, che in questi giorni stanno ricevendo una gradita visita. I tecnici installatori degli impianti di riscaldamento incaricati dall'Istituto Autonomo Case Popolari sono al lavoro per posizionare caldaie e allacci nei primi ventiquattro alloggi destinatari del provvedimento che insistono su via Savona. E subito dopo gli stessi lavori proseguiranno nelle restanti palazzine di via Cagliari dove le famiglie interessate sono almeno una ottantina. Dalla calura estiva al torpore emanato dai nuovi impianti termici, il prossimo inverno sarà davvero meno rigido per i residenti della case popolari gallipoline del Peep 2. Una battaglia vinta quella sensibilizzata, anche sul versante politico, dai circoli locali di Rifondazione comunista e dei Comunisti italiani.


In merito alla notizia proprio il direttivo del Prc di Gallipoli ha espresso, in una nota, "estrema soddisfazione per l'avvio dei lavori di realizzazione degli impianti di riscaldamento per 24 famiglie residenti negli alloggi Iacp di via Savona". Così come è stato rivolto un vivo ringraziamento "al compagno Domenico Furio, responsabile locale del Sunia, grazie alla cui caparbia azione, nei prossimi giorni, altre 80 famiglie degli alloggi popolari di via Cagliari potranno finalmente disporre dell'impianto termico. Una bella storia, fatta di impegno civile e di lotte che finalmente si conclude con un successo per i cittadini".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palazzine Iacp, finalmente farà caldo anche in inverno

LeccePrima è in caricamento