Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca VIa Provinciale Gallipoli

Rogo notturno, un intero pullman viene divorato dalle fiamme

E' successo alla periferia di Parabita, sulla direttrice per Alezio. Ore di lavoro per i vigili del fuoco. I carabinieri indagano per accertare la natura dell'episodio

Foto di Antonio Quarta.

PARABITA – Notte infernale alla periferia di Parabita. Erano circa le 2 di notte quando all’improvviso, su via Provinciale Gallipoli, strada che si ricollega alla 361 e conduce dritta verso Alezio, sono divampate le fiamme che hanno avvolto e, in breve, completamente distrutto  un intero pullman da una cinquantina di posti a sedere. Talmente voraci, le fiamme, da aver divorato tutte le tappezzerie. Il calore sprigionatosi ha fatto esplodere tutti i vetri. E questa mattina non resta che una carcassa di lamiera annerita. 

Era nel parcheggio vicino all'Eni

Il mezzo, di proprietà di una ditta di Melissano, era fermo in un parcheggio adiacente all’area di servizio Eni. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco dal distaccamento di Gallipoli che hanno lavorato per diverse ore, fin quasi alle soglie dell’alba, per spegnere l'incendio e bonificare la zona, scongiurando altri pericoli. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri del Nucleo operativo radiomobile di Casarano e della stazione locale per avviare gli accertamenti.

Acquisiti alcuni filmati di videocamere

Il pullman è piuttosto dato. E’ stato immatricolato nel 1995 e ha un valore che non dovrebbe superare i 10mila euro. Al momento le cause che hanno provocato il rogo non sono state accertate. Se si fosse trattato di un evento doloso, l’innesco sarebbe comunque stato consumato fra le stesse fiamme. I carabinieri stanno cercando di fare chiarezze sull’episodio, partendo dall’unico elemento utile, in assenza di testimonianze dirette: alcune videocamere di sicurezza. In zona ve ne sono diverse. Le immagini sono state acquisite.  

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rogo notturno, un intero pullman viene divorato dalle fiamme

LeccePrima è in caricamento