Mercoledì, 16 Giugno 2021
Cronaca

Patenti "bagnate" di alcool, sotto le feste pasquali una caterva di denunce

Controlli a largo raggio fra centro e periferie di Gallipoli, Galatina, Copertino, Nardò e Alezio. Diciassette fermati per guida sotto l'influenza di bevande, e di questi dodici con un tasso da deferimento penale. In altri sono finiti nei guai per furti e spaccio di sostanze stupefacenti

Carabinieri dentro Gallipoli.

GALLIPOLI – Fra Pasqua e Pasquetta i carabinieri della compagnia di Gallipoli e delle stazioni dipendenti hanno fatto incetta di patenti “bagnate” di birra e vino. Ma non solo. I controlli a largo raggio – un servizio straordinario di prevenzione - sono stati estesi anche fra i lidi balneari, riaperti per l’occasione nonostante il tempo non promettesse faville, ma anche supermercati. E fra vari reati contestati (compresi furti) è stato inviato in Procura un corposo faldone con ventuno denunce.

Non sono poi mancate le segnalazioni per consumo di stupefacenti (più che altro droghe leggere), tanto che sono stati indicti alla Prefettura quattordici ragazzi trovati perlopiù in possesso di marijuana e hashish per una ventina di grammi.

Il problema principale, come sempre e più di sempre (tanto che di anno in anno le cifre restano invariate) sono però proprio gli alticci alla guida. La prudenza e tante campagne d’informazione suggerirebbero di invitare alla guida sempre qualcuno sobrio della comitiva. Non tutti però seguono questo semplice consiglio, e così invariabilmente sono sempre cifre piuttosto alte quelle che vanno a rimpolpare le statistiche dell’Arma.

Ben diciassette sono stati gli automobilisti, infatti, ai quali è stata ritirata la patente. Di questi, dodici avevano un tasso alcolemico superiore a 0,80 grammi per litro, limite oltre il quale scatta anche la denuncia penale. Un dato è stato diramato dagli stessi carabinieri che hanno operato: rispetto alla Pasquetta dell’anno scorso, il numero è rimasto in buona sostanza invariato, ma è cambiata la provenienza. Quest’anno, infatti, i fermati sono stati quasi tutti della provincia di Lecce. Solo in rari casi ci si è imbattuti in turisti provenienti da fuori regione.

Nel corso dei controlli sono poi state denunciate altre tre persone, trovate alla guida dei propri mezzi senza aver mai conseguito la patente. Un quarto uomo, di Aradeo, si era invece messo al volante dell’auto, nonostante solo una settimana prima fosse stata posta sotto sequestro perché senza assicurazione. E anche per lui è arrivata una denuncia.

In tutto sono stati controllati circa 400 veicoli a bordo dei quali e 650 persone. Una novantina le contravvenzioni al codice della strada per violazioni varie (in particolare guida senza cinture di sicurezza e uso del cellulare). Sono stati così sottratti oltre 200 punti sui vari documenti di guida.

All’attività hanno partecipato pattuglie dell’aliquota radiomobile, militari della tenenza di Copertino e delle varie stazioni, per un totale di cinquanta militari su venticinque automezzi. Sono stati interessati soprattutto centro e periferie di Gallipoli, e ancora: Galatina, Copertino, Nardò e Alezio. 

Alcuni militari, in abiti civili, si sono confusi tra i gitanti anche per prevenire reati e il fenomeno dello spaccio di stupefacenti. A tale proposito, S.P., 20enne di Nardò, è stato deferito perché, dopo una perquisizione domiciliare, è stato trovato in possesso di tredici involucri di hashish per 20 grammi. Mentre M.S., 53enne, trovato all’uscita di un supermercato dopo aver taccheggiato alcuni generi alimentari per 25 euro, è stato “pizzicato” e a sua volta denunciato per furto.

Infine, un romano è stato deferito in stato di libertà per truffa. Aveva messo in vendita su un noto social network un cellulare di ultima generazione facendosi pagare e poi rendendosi irreperibile.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Patenti "bagnate" di alcool, sotto le feste pasquali una caterva di denunce

LeccePrima è in caricamento