rotate-mobile
Giovedì, 18 Aprile 2024
Si analizzano le immagini / Porto Cesareo

Porto Cesareo e Torre Lapillo, sabotaggio sistematico delle barriere di protezione del litorale

L’Area Marina Protetta ha presentato denuncia contro ignoti: nelle ultime settimane sono stati rimossi i paletti che tutelano il cordone delle dune e chiudono i varchi abusivi al mare. La riserva è dotata di una videosorveglianza al passo coi tempi

PORTO CESAREO – Una sistematica azione di sabotaggio è in corso nell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, soprattutto nella parte che va da Torre Lapillo verso l’estremo nord del litorale di competenza: sono stati infatti rimossi, a più riprese, pali di faggio e altro materiale simile utilizzato per realizzare le barriere di protezione delle dune e di interdizione dei varchi di accesso abusivo al mare.

Gli episodi, intensificatisi in particolare nelle ultime settimane, sono stati scoperti sia tramite segnalazioni, sia con il monitoraggio che il personale della riserva effettua a piedi o utilizzando i droni. Una denuncia, intanto contro ignoti, è stata presentata alle autorità competenti. Le barriere in questione sono posizionate per tutelare il cordone delle dune messo a dura prova dall’erosione costiera, ma anche dall’azione incosciente dell’uomo.  

“Ogni alterazione, anche minima, in questo delicato contesto, costituisce quindi un potenziale pericolo per l'assetto dell'ambiente. Detto questo – ha spiegato Paolo D’Ambrosio, direttore dell’Area Marina Protetta –, abbiamo avviato anche noi indagini grazie all’utilizzo del nostro importante sistema di video sorveglianza ad ampio raggio, e dopo attento screening di quanto avvenuto nelle zone interessate da furti di questo genere negli ultimi tempi, forniremo eventuali frame e materiale utile a beccare i responsabili di tali azioni”.

LeccePrima è anche su Whatsapp. Seguici sul nostro canale.

Palizzate dopo_Amp Porto Cesareo

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porto Cesareo e Torre Lapillo, sabotaggio sistematico delle barriere di protezione del litorale

LeccePrima è in caricamento