Panico nella stazione di servizio: positivo a cannabis e cocaina il conducente

Un 31enne di Caprarica di Lecce era stato portato al "Vito Fazzi" dopo un incidente causato in una stazione di servizio. Nell'occasione la prontezza di riflessi di una donna ha evitato conseguenze peggiori

LECCE - Patente ritirata, auto sequestrata ai fini della confisca, denuncia per guida sotto effetto di stupefacenti con l'aggravante dell'incidente provocato nella stazione di servizio Esso, sulla Ss 16, in territorio di Cavallino. 

Per F.L., 31enne di Caprarica di Lecce, sono le conseguenze inevitabili dopo essere stato trovato positivo ai cannabinoidi e alla cocaina all'esito delle analisi fatte al "Vito Fazzi", domenica mattina. Nell'ospedale leccese l'uomo era stato trasportato dal personale del 118 per le ferite lacerocontuse rimediate alla testa quando il suo Suv, un Bmw X3, si è schiantato contro la colonna per l'attivazione del rifornimento automatico. 

Video | Le impressionanti immagini dell'impatto

Erano da poco trascorse le sette del mattino e una donna si stava accingendo al rifornimento. Con grande prontezza di riflessi, dopo che l'auto aveva fatto il suo ingresso nell'area di servizio con una sorta di carambola sul guardrail, si è resa conto dell'imminente pericolo e ha fatto appena in tempo a spostarsi di qualche metro prima che il veicolo piombasse contro il manufatto che ha sostanzialmente resistito all'impatto essendo progettato in funziono antirapina e costruito con sbarre in acciaio.

Senza titolo-1-16-20

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento schianto in centro, coinvolto il musicista Nando Popu

  • Carabiniere e “Le Iene” sott’accusa, chiesti 100mila euro di risarcimento

  • Spaccio di droga: in 14 a processo. Tra loro l’imprenditore dei vini Gilberto Maci

  • Nuova ondata di maltempo: allerta arancione in attesa delle violente raffiche di vento

  • Buco sul muro del negozio di abbigliamento nel centro commerciale: il furto fallisce

  • Violentò la figlia e nacque una bambina: il padre condannato a 30 anni

Torna su
LeccePrima è in caricamento