menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Seguono l’acquirente e trovano il fornitore: cocaina, scatta l’arresto

I poliziotti di Taurisano hanno bloccato un 55enne di Presicce-Acquarica. Aveva anche sostanza purissima per oltre 65 grammi

PRESICCE-ACQUARICA – L’intuizione degli agenti della Sezione volanti del Commissariato di Taurisano era giusta. In quella casa c’era un giro di spaccio. E, dopo aver rinvenuto ben 23 involucri contenenti cocaina, più un grosso pezzo di sostanza purissima, in arresto è finito Lucio Mancino, 55enne di Presicce-Acquarica. Posto ai domiciliari, risponde di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Durante un appostamento, avvenuto ieri pomeriggio, i poliziotti hanno notato un giovane arrivare a bordo di una Renault Clio nei pressi di casa dell’uomo. Dopo aver parcheggiato davanti al cancello e aver suonato al campanello, l’hanno visto parlare con Mancino, per poi entrare in casa con lui e fermarsi nei pressi della porta d’ingresso, lasciata socchiusa.

Dopo pochi attimi, il giovane è uscito per allontanarsi. A quel punto, i poliziotti l’hanno seguito per poi bloccarlo poco più avanti, identificandolo e spiegandogli perché l’avessero fermato. E, vistosi alle strette, non ha potuto fare altro che consegnare spontaneamente un involucro di cellophane di colore verde, termosaldato all’estremità, contenente cocaina per 0,6 grammi.

È stato come dare il la alla perquisizione più importante, quella in casa di Mancino, durante la quale, su un mobile posto all’ingresso e all’interno di un cassetto di un mobiletto in cucina, gli agenti hanno trovato i già 23 involucri, dello stesso colore di quello consegnato dal giovane, contenente ognuno cocaina.

Inoltre, è stato sequestrato un ulteriore sacchetto di cellophane trasparente, annodato, contenente all’interno pezzi in cristallo di colore bianco che dalle successive analisi di laboratorio è risultata cocaina purissima, per un peso complessivo di 65,08 grammi. Sentito il pubblico ministero di turno, Massimiliano Carducci, l’uomo è stato posto ai domiciliari. È difeso dall’avvocato Rita Ciccarese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Auto e moto

    Cambio gomme invernali: date e normativa per il 2021

  • Cura della persona

    Manicure semipermanente fai da te senza l’uso della lampada

  • Cucina

    Cavolo verza stufato da preparare in primavera

  • Cucina

    Trippa alla pugliese, oggi pranziamo così

Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento