Sabato, 19 Giugno 2021
Cronaca

Presunti prestiti con tassi da usura, assolti gli imputati dopo nove anni

I fatti contestati risalgono al periodo tra il 2000 e il 2003. Per molti dei capi d'imputazione è intervenuta la prescrizione

LECCE – A distanza di oltre nove anni si è concluso con una lunga serie di assoluzioni il processo per i quattro imputati accusati di usura per presunti fatti commessi tra il 2000 e il 2003. Secondo l’ipotesi accusatoria i prestiti con tassi usurari erano stati concessi a un grossista di carni per l’acquisto di un capannone in cui ampliare e sviluppare l’attività, in modo da poter usufruire del prestito con la legge 488.

I giudici della prima sezione penale hanno assolto Maurizio Sciolti, 59enne di Strudà, assistito dall’avvocato Francesco Spagnolo, da un capo d’imputazione e dichiarata l’intervenuta prescrizione per un altro. Discorso simile per l’imprenditore Ennio Dantes, 67 anni, di San Cesario (finito anche ai domiciliari), assistito dall’avvocato Luigi Covella, per cui è stato anche disposto il dissequestro di beni per un valore di circa un milione di euro. Dichiarata la prescrizione per tutti i reati, invece, per gli altri due imputati: Brunò Calò e Salvatore Cavalera, 52enne e 69enne, di Nardò, assistiti dagli avvocati Giuseppe Bonsegna e Donato Mellone.

Cala dunque il sipario su una vicenda lontana nel tempo, in cui la giustizia ha dimostrato tutta la sua lentezza e la sua macchinosità, sia per gli imputati che per la presunta vittima.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presunti prestiti con tassi da usura, assolti gli imputati dopo nove anni

LeccePrima è in caricamento