menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La stazione ferroviaria.

La stazione ferroviaria.

Ordinanza del sindaco per le vie del sesso: cinque i verbali della polizia locale

Per due donne e un trans la sanzione di 300 euro, per due conducenti la multa per transito non autorizzato nella Ztl che dal 2007 insiste attorno alla stazione ferroviaria. Rilevate le generalità di altre donne. Il comandante: "Sono mancati i clienti, un po' ce lo aspettavamo"

LECCE - Cinque verbali nel primo giorno di vigenza dell'ordinanza sindacale. Il provvedimento firmato dal sindaco per arginare il fenomeno della prostituzione in alcune vie della città, ha portato gli agenti della polizia locale ad effettuare controlli sia nella zona della stazione ferroviaria, dove già dal 2007 esistono limitazioni al transito dalle 21 alle 4 di notte, sia nelle strade subito adiacenti e in via Vecchia Carmiano.

Il bilancio, nel dettaglio, è di tre sanzioni da 300 euro comminate in base alla nuova ordinanza - nei confronti di una donna di origini bulgare, di una proveniente dalla Romania e di un transessuale - e di due per violazione del Codice della strada. Inoltre sono state prese le generalità di quattro ragazze, di cui una italiana, che si intrattenevano sui marciapiedi della "zona rossa", ma che tuttavia non hanno palesemente mostrato di esercitare la prostituzione. 

L'attività sanzionatoria è stata preceduta da un monitoraggio che gli agenti hanno effettuato in tutta l'area interessata e l'impressione è che l'effetto deterrente abbia almeno in parte funzionato. Sarebbe mancato, infatti, il via vai di clienti tipico dei giorni precedenti l'entrata in vigore dell'ordinanza: “Non abbiamo assistito a scene esplicite di contrattazione - ha commentato il comandante della polizia locale, Donato Zacheo -. Ma, del resto, un po’ ce lo aspettavamo. Il servizio era stato annunciato e le pattuglie hanno operato in modo ben visibile ed assiduo in tutta la zona. La nostra presenza sarà costante nei prossimi giorni e non è detto che non metteremo in campo altre modalità di intervento per essere maggiormente incisivi nella repressione del fenomeno".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento