Nuove competenze ai disabili grazie allo sport: al via il progetto “Abil”

Sarà presentata sabato 21 settembre, ad Alezio, l’iniziativa finanziata da Regione e Ministero del Lavoro. L’obiettivo è scommettere su nuove forme di inclusione

Foto di repertorio.

ALEZIO – Uno speciale progetto denominato “Abil- Abilità, benessere, interazione, lavoro”, finanziato dalla Regione Puglia con risorse statali del Ministero del Lavoro e delle Politiche sociali  rappresenta una nuova scommessa sull’empowerment dei disabili attraverso lo sport coinvolgendo anche gli operatori del settore. Un percorso che, strutturato in due fasi, sarà presentato sabato prossimo, 21 settembre, ad Alezio.

A partire dalle 17,30, infatti, presso il Laboratorio urbano AreaLab, lo psicoterapeuta Antonio Coco introdurrà l’incontro al quale prenderanno anche parte Angelo Mita, assessore al Welfare del Comune di Gallipoli capofila dell’Ambito sociale territoriale; Andrea Barone, sindaco del comune di Alezio che ospita l’iniziativa; Angelo Palmisano, responsabile dell’Ufficio di piano dell'Ambito sociale territoriale di Gallipoli. E, ancora, prenderanno parte anche Francesco Fischetti, coordinatore del Corso di Laurea in Scienze e tecniche dello Sport, scuola di Medicina - Università degli Studi "Aldo Moro" di Bari e Marcello Grimaldi, presidente Csen provinciale di Lecce.

A.B.I.L.” promuove la creazione di una rete locale che, attraverso la definizione di strategie comuni e la pianificazione di interventi mirati, valorizza il capitale umano pugliese e punta all’inclusione sociale di tutti e, in particolar modo, dei soggetti disabili. Il percorso progettuale getta un seme di innovazione sociale restituendo una nuova lettura della vulnerabilità: i disabili coinvolti hanno la possibilità di accrescere le proprie potenzialità individuali attraverso la pratica sportiva, acquisendo nuove e diverse abilità. La propria “diversità” non è più un limite o una possibilità negata, diviene una chiave per esplorare un’innovativa opportunità di autoaffermazione.

Le attività programmate sono completamente gratuite e sono dedicate a ragazzi diversamente abili e agli operatori del settore che desiderino specializzarsi sulle tecniche di inclusione dei disabili: i tre workshop tematici sono dedicati all’empowerment psicologico e all’analisi delle disabilità, alla ricerca attiva del lavoro ed alle interconnessioni tra sport ed empowerment, individuale e di gruppo. A supporto un portale multimediale dedicato al progetto fruibile da remoto o presso il Laboratorio Urbano Area, che offre un servizio di e-learning e mette a disposizione degli utenti preziosi materiali di studio.  Alla fase teorica segue la sperimentazione sul campo a beneficio di 20 persone con disabilità fisiche ed intellettive. In questa delicata fase progettuale gli operatori che hanno partecipato ai workshop hanno la possibilità di affiancare una squadra di esperti nell’organizzazione di attività sportive.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco in contromano, causa incidente con una vittima: conducente in arresto

  • Cade da un'altezza di dieci metri praticando il parkour: 16enne in gravi condizioni

  • Agenzia funebre nel mirino: data alle fiamme da ignoti, del tutto distrutta

  • Suv scorrazzano tra studenti e bagnanti. E si tenta di deviare lo sbocco a mare dell'Idume

  • Dalla perquisizione della vettura spunta la droga: coppia di fruttivendoli nei guai

  • Travolto da un’auto sulla litoranea di Santa Cesarea Terme: grave un ciclista

Torna su
LeccePrima è in caricamento