rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Cronaca Racale

Minaccia un uomo con pistola: si becca prima un pugno e poi l’arresto

Concitata situazione nella zona di Racale, dove un 45enne di Taviano è stato inseguito e bloccato. Si era disfatto dell'arma con un colpo in canna. In auto trovati altri quindici colpi

RACALE – Scoppia una lite per ragioni private, lui gli punta una pistola, ma, per tutta risposta, l’altro gli sferra un pugno. Non solo. Con l’arrivo dei carabinieri della stazione di Racale, Ilario Venneri, 45enne di Taviano, viene acciuffato dopo un breve inseguimento e arrestato.

La concitata situazione si è verificata sulla strada provinciale che collega Taviano a Melissano, dove Venneri si era incontrato con un 46enne. Fra i due, a quanto pare, ben presto sarebbe sorto un diverbio, con Venneri che, inaspettatamente, avrebbe estratto una pistola, puntandola verso l’altro uomo. Ma quest’ultimo, altrettanto inaspettatamente, piuttosto che farsi intimidire, gli avrebbe sferrato un violento pugno in faccia.

Ben presto della situazione sono stati resi edotti i carabinieri che si sono così messi sulle tracce di Venneri, nel frattempo allontanatosi in fretta. I militari della stazione di Racale, insieme con i colleghi della sezione radiomobile, sono riusciti a individuare l’auto in cui si trovava il fuggitivo e a bloccarlo alla periferia di Racale, in via delle Ginestre.

Dopo aver fermato l’uomo, i carabinieri hanno recuperato una pistola Walther P38 calibro 9, che deteneva irregolarmente. Dotata di matricola, sono in corso accertamenti per risalire alla paternità dell’arma, in perfetto stato di conservazione e con un colpo in canna. Venneri se ne sarebbe disfatto durante la fuga. Mentre, durante la perquisizione dell’auto, sono stati trovati altri quindici proiettili dello stesso calibro. Condotto in caserma e arrestato, come disposto dal pubblico ministero di turno, l’uomo è stato sottoposto ai domiciliari.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Minaccia un uomo con pistola: si becca prima un pugno e poi l’arresto

LeccePrima è in caricamento