menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto di repertorio.

Foto di repertorio.

Il coprifuoco non smorza gli incendi: due auto in fiamme in una sola notte

È successo a Racale e Taviano. In un caso, raid incendiario certo ai danni di un dipendente di un istituto di vigilanza privato

LECCE – Si chiamerà pure coprifuoco, ma la verità è che il fenomeno degli incendi notturni, quasi sempre frutto di raid mirati, per quanto oggettivamente in calo, non sembra comunque arrestarsi del tutto. Nemmeno con i divieti di circolazione notturni. Tanto che nel corso della stessa nottata, in due comuni del basso Salento incollati al punto da formare un unico agglomerato, Racale e Taviano, si sono registrati altrettanti episodi.   

A Racale l’incendio è stato solo un principio, per fortuna, un tentativo subito smorzato dalla stessa vittima presa di mira da ignoti che hanno cosparso un’Opel Agila di liquido infiammabile, dando poi fuoco e fuggendo. È successo in via Ancona, ai danni di un 48enne, dipendente dell’istituto di vigilanza privato La Fenice. Lo stesso uomo si è accorto subito dell’incendio ed è riuscito a domarlo, uscendo di corsa da casa, prima che provocasse danni più seri. Sul posto, poi, sono intervenuti i carabinieri della stazione locale e della sezione operativa di Casarano. Al momento autori e cause del gesto restano sconosciute. E nelle vicinanze non vi sarebbero telecamere.

Alcune telecamere, invece, sono presenti nei pressi del luogo del secondo incendio, divampato, in questo caso, a Taviano e potrebbero aiutare a fare chiarezza su quanto avvenuto in via Meucci. Qui, è stata una donna di 34 anni a chiedere soccorso per una Jeep in fiamme. Il rogo, che ha provocato danni soprattutto sulla parte anteriore del veicolo, intestato a un 27enne, è stato spento dai vigili del fuoco del distaccamento di Gallipoli. Per gli accertamenti si sono poi recati sul posto i carabinieri della stazione locale che hanno acquisito le immagini di un sistema di videosorveglianza vicino. Quanto a eventuali moventi di un atto doloso, la vittima non ha saputo fornire indicazioni, sostenendo di non aver mai subito minacce.     

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

LeccePrima è in caricamento