Colpo di pistola in aria per immobilizzare il custode: rapinano trattore, poi lo schianto

In due, quasi certamente aiutati da altrettanti complici, hanno fatto irruzione in una masseria alla periferia di Salice Salentino nella serata di martedì. Sono fuggiti col mezzo agricolo, poi abbandonato durante l’impatto col guard-rail

Foto di repertorio.

SALICE SALENTINO – Una violenta rapina nel Salento: è la seconda in poche ore. L'episodio a Salice Salentino, intorno alle 22,15 di ieri sera, dove i malviventi hanno presi di mira il titolare di Casale San Giovanni, una masseria nelle campagne che costeggiano la via che conduce ad Avetrana. Dopo essersi introdotti all’interno della proprietà i due hanno puntato la pistola contro il custode, un uomo di origini asiatiche: per intimorirlo ulteriormente, inoltre, hanno persino esploso un colpo  d'arma in aria. Fortunatamente, senza provocare conseguenze al malcapitato.

I malviventi si sono a quel punto diretti verso il trattore e il carrello, con l’intenzione di impossessarsene. Arraffato il mezzo agricolo, sono fuggiti verso il territorio di Veglie, in direzione di San Pancrazio Salentino. È qui però che, giunti nei pressi del villaggio Monteruga, il trattore ha sbandato e, uscendo fuori strada, si è schiantato contro uno dei sostegni metallici che sostengono il guard-rail. Con ogni probabilità, i due viaggiavano completamente al buio. Hanno a quel punto abbandonato l’ingombrante refurtiva sul posto, danneggiata dall’impatto, per poi fuggire a piedi, quasi certamente aiutati da altri due complici.

Tanti, infatti, gli individui ricercati dai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della compagnia di Campi Salentina, sopraggiunti sul luogo del ritrovamento del trattore e sul luogo della rapina, assieme alle guardie giurate dell’istituto di vigilanza “Ggs Security”. Entrambi hanno avviato le ricerche della banda di malviventi, setacciando le campagne della zona, per ora inutilmente. Le indagini proseguono, anche tramite l’utilizzo delle videocamere di sorveglianza installate lungo il tragitto, dalle quali potrebbero emergere dettagli significativi sulla banda. Appena 24 ore prima, un gruppo di malviventi ha fatto anche irruzione nell’abitazione di un 71enne di Castiglione d’Otranto, dove hanno poi perpetrato una rapina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maxi frode col gasolio agricolo, undici arresti e 64 indagati

  • Anziana madre non ha sue notizie da giorni e chiede aiuto: 49enne trovato senza vita

  • Militari attendono cassiera a fine turno: addosso parte dell’incasso, sospetti ammanchi per 50mila euro

  • Rapine con autovetture rubate anche durante il lockdown: in tre agli arresti

  • Scampato a un agguato con Kalashnikov, accoltella un uomo per motivi di viabilità

  • Coronavirus “sensibile” ai fattori ambientali: studio di un fisico su temperatura ed escursioni termiche

Torna su
LeccePrima è in caricamento